VALDINIEVOLE

Venerdì, 08 Febbraio 2019 20:09

Il sindaco Nicola Tesi: “meglio giardini che montagne di rifiuti”

Il sindaco di Ponte Buggianese, Nicola Tesi Il sindaco di Ponte Buggianese, Nicola Tesi

Risposta alle polemiche di FdI sul Centro di Raccolta

PONTE BUGGIANESE - “Come primo cittadino desidero informare tutta la popolazione che è sicuramente preferibile un centro di raccolta che rifiuti maleodoranti”, risponde così il sindaco di Ponte Buggianese Nicola Tesi ai richiami che nei giorni scorsi aveva avanzato su questo tema il rapprentante di Fratelli d'Italia.

Si tratterà – aggiunge il sindaco - di applicare rigide modalità di stoccaggio e questo non porrà nessun problema “di impatti odorigeni e/o sanitari, in quanto i rifiuti provengono da raccolta differenziata e permangono all’interno del centro per periodi molto brevi”.

E il sindaco cita altre esperienze già avviate a Pescia o Cintolese, con i rifiuti stessi (ad es. personal computer, ceramiche, cristalli, gomme usurate, RAE, frigoriferi) contenuti all’interno di cassoni “che solo dopo vengono avviati ad impianti di trattamento e accorpati in frazioni differenziate”.

“Per quanto riguarda invece le acque meteoriche di prima pioggia – sono ancora parole del Sindaco Tesi - queste saranno oggetto di trattamento e successivo scarico solo quando arriverà l’Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) contestualmente alla realizzazione del centro di raccolta stesso”.

Anche il traffico nella zona di Albinatico era stato un punto di attacco di FdI. La risposta, sottolinea Tesi, sta nel regolamento urbanistico: “la soluzione arriverà attraverso la realizzazione di un by-pass tra la strada comunale, che costeggia la nota azienda alimentare a cui fa riferimento, e la strada ove si accede da via Albinatico al Centro di raccolta.

La realizzazione di quest’opera toglierà il traffico pesante sulla SP Porrione e del Terzo anche nel centro della frazione, a ridosso della Chiesa: in questo modo – conclude il sindaco di Ponte Buggianese - si potrà dare avvio al quel progetto di centralità urbana prevista nell’attuale Regolamento Urbanistico”.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.