VALDINIEVOLE

Domenica, 16 Dicembre 2018 17:10

ViVal Banca dice sì all’adesione al Gruppo bancario Iccrea

Oltre mille soci all’assemblea di Montecatini

MONTECATINI TERME - L’Assemblea dei soci di ViVal Banca, ha approvato lo statuto dando il via libera dell’istituto di credito all’adesione al Gruppo Bancario Iccrea. Presenti all’incontro 1.061 soci, di persona o per delega.

Il voto dell’assemblea rappresenta senza dubbio un momento epocale per ViVal Banca e per lo sviluppo delle sue attività a beneficio dei soci e del territorio. Contestualmente, si conclude un’altra tappa della riforma iniziata nel 2016 che ha coinvolto il Credito cooperativo in un percorso di rinnovamento, preservando al contempo la storia ed i tratti caratteristici della mutualità bancaria cooperativa come tiene a sottolineare il presidente di ViVal Banca, Alessandro Belloni.

"Siamo molto soddisfatti per il raggiungimento di questo traguardo che consente a ViVal Banca di contribuire alla nascita di un grande Gruppo bancario cooperativo in Italia. I nostri soci hanno compreso come la riforma che ha voluto riunire le banche di credito cooperativo nel nuovo Gruppo bancario cooperativo Iccrea non solo non cancella la storia, la natura e la vocazione delle Bcc, ma le inserisce in un sistema che garantisce maggiore solidità e permette di effettuare investimenti e sinergie fino ad ora impossibili da realizzare. Permette in sostanza di continuare a fare meglio quello che le Bcc hanno sempre fatto: lo sviluppo e il sostegno del territorio a cui si riferiscono. Un ringraziamento sincero a tutti i soci per la larga partecipazione e per la loro costante vicinanza alla loro banca".
A quelle del presidente Belloni, si aggiungono le parole del direttore generale di ViVal Banca, Andrea Rindi.

"La Legge consentirà alle Banche di credito cooperativo di essere ancora più concorrenziali e al passo con i tempi grazie a un’offerta di prodotti e servizi evoluti, dinamici, nel rispetto dei valori che da sempre animano il credito cooperativo, riservando la massima attenzione ai soci. Il servizio al territorio rappresenta un caposaldo irrinunciabile e intoccabile delle Bcc e adesso saremo coadiuvati e sostenuti in tal senso dalla capogruppo Iccrea quale ulteriore garanzia di una politica economico-finanziaria oculata, e anzi rafforzata di garanzie a tutela delle esigenze e degli investimenti di Soci e clienti".

Il costituendo Gruppo bancario cooperativo Iccrea prende dunque forma e potrà contare sull’adesione di 142 Bcc, che operano in 1.738 comuni con una rete di 2.647 filiali. Sarà fondato su una solida base sociale di 750.000 soci con più di 4 milioni di clienti, un patrimonio netto di 11,5 miliardi di euro, un attivo di 148 miliardi, impieghi lordi per 93,3 miliardi e una raccolta diretta per 102,4 miliardi.
Con questi numeri e per il numero di Bcc coinvolte, il Gruppo bancario cooperativo Iccrea si avvia a diventare a tutti gli effetti la prima banca locale del Paese.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.