VALDINIEVOLE

Martedì, 30 Ottobre 2018 17:04

Valdinievole, l'ordinanza a tutela della qualità dell'aria

Entrerà in vigore il 1° novembre fino al 31 marzo

MONTECATINI - E' stata firmata dal sindaco del Comune di Montecatini Terme l'ordinanza per la tutela della qualità dell'aria.

L'ordinanza, sarà in vigore dal 1° novembre al 31 marzo 2019 ed ha lo scopo di ridurre la concentrazione media giornaliera di polveri sottili. Il provvedimento prevede il divieto di accensione di fuochi all'aperto e abbruciamento di sfalci, potature, residui vegetali nelle aree del territorio comunale; invita a contenere i consumi energetici, evitando inutili sprechi, nella gestione degli impianti di riscaldamento (attraverso una corretta regolazione degli orari di accensione, il controllo della temperatura); utilizzare il più possibile i mezzi pubblici o mezzi di trasporto non inquinanti negli spostamenti.

Il provvedimento è stato preso in conformità alle direttive della Regione Toscana e adottato da tutti i Comuni della Valdinievole inseriti nell’area di superamento Piana Lucchese e che si sono già impegnati ad approvare in maniera uniforme il Piano di Azione Comunale - Area Valdinievole per il risanamento della qualità dell’aria. Relativamente alle modalità di attivazione degli interventi da attuarsi, la normativa, prevede un sistema di individuazione delle situazioni di rischio di superamento dei valori limite giornalieri di PM10, che impone di tenere conto quotidianamente - tra il 1° novembre ed il 31 marzo - del numero di giorni di superamento, e delle previsioni meteo favorevoli all’accumulo degli inquinanti.

PESCIA - Anche Pescia prende le sue contromisure nei confronti dell’inquinamento dell’aria da pm10, le famosi polveri sottili che sono provocate da diverse cause e che hanno nella Piana di Lucca una delle zone più compromesse della Toscana. Il territorio di Pescia, pur avendo meno problemi dei confinanti grazie a diverse caratteristiche geomorfologiche, ricade in questo ambito comprensoriale, che fa capo alla centralina di rilevamento della qualità dell’aria che si trova a Capannori.

L’ordinanza firmata dal sindaco di Pescia Oreste Giurlani è quindi analoga a quella che dovranno firmare anche i comuni ricadenti nel comprensorio e pone il divieto di accendere fuochi all’aperto e di bruciare sfalci, potature, residui vegetali, nel periodo compreso dal 1 Novembre al 31 Marzo 2019, per tutte le zone del territorio comunale di Pescia che si trovano a una quota inferiore ai 200 metri sul livello del mare. Insieme ai divieti, l’ordinanza di Giurlani invita anche i cittadini ad adottare comportamenti virtuosi per contribuire al miglioramento della qualità dell’aria, come limitare la combustione delle biomasse, il contenimento a nove ore del riscaldamento domestico e senza superare i 18°, utilizzare il più possibile i mezzi pubblici per spostarsi e tanti altri accorgimenti per evitare l’inquinamento dell’aria.

Stessa ordinanza anche per il comune di Pieve a Nievole.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.