Stampa questa pagina
Martedì, 30 Ottobre 2018 16:59

Pescia, chiude per 4 giorni il reparto di ostetricia

Per le donne in gravidanza parto garantito al San Jacopo

PESCIA – Saranno necessari quattro giorni per eseguire gli interventi di manutenzione straordinaria all’ascensore del reparto di ostetricia e neonatologia dell’ospedale di Pescia, al fine di un ulteriore miglioramento dell’area che è già stata sottoposta ad importanti ristrutturazioni.

Il reparto, pertanto, resterà chiuso dalle ore 20 del 5 novembre alle 12 del 9 novembre.

Per le donne in gravidanza la continuità del percorso al parto sarà comunque garantita all’ospedale San Jacopo.

Ai fini di consentire il periodo successivo di ricovero per parto fisiologico all’interno del Presidio, saranno effettuati parti fisiologici fino al giorno 4 novembre alle ore 20 e garantita la necessaria continuità della presa in carico sia domiciliare che ambulatoriale da personale medico e ostetrico.

Il personale ha già provveduto a contattare telefonicamente tutte le donne prossime al parto e nelle scorse settimane la comunicazione della chiusura è stata diffusa sia negli ambulatori del S.S. Cosma e Damiano che nei consultori, durante i controlli e le visite ed ai corsi di preparazione alla nascita.

In questi giorni le donne saranno nuovamente avvertite. L’Azienda sta informando i medici di medicina generale ed i pediatri di famiglia.

La continuità del servizio, rassicura l’Azienda, è garantita anche dal raccordo informatico tra i due ospedali che possono condividere le cartelle cliniche delle gestanti, così da assicurare il completo scambio delle informazioni relative alle donne in gravidanza già in carico al presidio di Pescia.

L’Azienda Sanitaria invita quindi le donne a recarsi direttamente all’ospedale di Pistoia nei giorni in cui il reparto a Pescia non sarà funzionante.

A Pescia sarà comunque assicurata la gestione di eventuali emergenze ostetriche di pazienti che si presenteranno direttamente e non trasferibili.

L’Attività ginecologica e di OBI pediatrica non subiranno invece variazioni, così come l’attività ambulatoriale programmata ginecologica- ostetrica e pediatrica nella settimana in questione.

questo articolo è stato offerto da: