VALDINIEVOLE

Lunedì, 17 Settembre 2018 22:21

Allarme inquinamento per il rogo della serra: scuole chiuse

La serra bruciata La serra bruciata

Le fiamme hanno attaccato anche l'armadio dei fitofarmaci

PIEVE A NIEVOLE – Nell'incendio che ha distrutto oggi una serra per la floricultura a Pieve a Nievole, è andato a fuoco anche l'armadio dei prodotti fitosanitari. Ed è scattato l'allarme inquinamento.

A scopo precauzionale è stata intanto disposta dal Sindaco, su proposta della Asl, la chiusura delle vicine scuole Elementari Leonardo da Vinci e della Materna Falcone e Borsellino, fino al 21 settembre. In un primo momento il sindaco Gilda Diolaiuti aveva disposto solo la chiusura per oggi e domani.

Il tempo si è allungato dopo le analisi di Arpat. Nelle due scuole saranno svolte pulizie straordinarie “ad umido per eliminare eventuali residui di ricaduta dei fumi dell'incendio”. Resta chiuso anche il Bocciodromo comunale Stefanelli ed il centro sportivo La Palagina.

Il fuoco, che è partito (per cause ancora da accertare) attorno a mezzogiorno e ha fatto alzare una alta colonna di fumo nero, ha distrutto la serra di via Leonardo da Vinci e parzialmente l'abitazione adiacente. I vigili del fuoco di Montecatini lo hanno domato con un lungo lavoro.

Nel pomeriggio è intervenuta Arpat assieme alla Asl per una valutazione delle conseguenze ambientali dell'incendio. “La dispersione di materiale combusto e delle acque di dilavamento è rimasta per lo più contenuta all'interno del sedime dell'azienda”, dice una nota di Arpat, che tranquillizza la gente vicina sulle possibili, gravi, conseguenze.

Ma è l'armadio con fitofarmaci, diserbanti e veleni chimici che preoccupa di più. E quindi a scopo precauzionale è stata disposta la chiusura per cinque giorni delle scuole, che avevano aperto le aule proprio oggi.

A titolo di verifica e di ulteriore precauzione Arpat dichiara in una nota di aver prelevato “campioni della polvere presente sulle superfici esterne ed interne dei due edifici scolastici, che saranno sottoposti ad analisi nei prossimi giorni per la ricerca dei fitofarmaci, idrocarburi policiclici aromatici, e diossine (PCDD PCDF)”.

Il laboratorio di Arpat prevede di completare le analisi entro la fine della settimana. Intanto, ancora a scopo precauzionale, è stato disposto il divieto di consumare i prodotti orticoli coltivati entro un raggio di 200 metri dalla serra bruciata. In attesa dei risultati delle analisi.

 

L'ordinanza del Sindaco

IL SINDACO

PREMESSO che nella mattinata odierna si è sviluppato in incendio di notevoli proporzioni presso un

edificio sito in Via Leonardo da Vinci intersezione Via Primo Levi che ha prodotto una notevole colonna di

fumo;

RITENUTO opportuno adottare in via precauzionale le necessarie misure a tutela della salute dei cittadini

nella zona interessata dall’incendio;

RITENUTO di dover tutelare la pubblica incolumità disponendo la chiusura delle finestre e la

disattivazione degli impianti di ricambio d'aria nelle vicinanze del luogo dell’incendio;

RITENUTO altresì di vietare temporaneamente ed in via del tutto provvisoria la permanenza dei cittadini

nelle strade e nei luoghi pubblici nelle adiacenze del luogo dell’incendio;

CONSIDERATO di dover provvedere in merito, stante l’esigenza di tutelare la salute pubblica;

VISTA la Legge 7 agosto 1990 n. 241 e s.m.i.;

VISTO l'art. 50 del T.U. sull'ordinamento degli Enti Locali adottato con D.Lgs. 18.08.2000 n. 267 e l’art.

l'articolo 54 comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267;

VISTO il vigente Statuto Comunale;

CONSIDERATO che, trattandosi di un provvedimento diretto all’intera collettività, non è necessaria la

pubblicazione dell’avvio al procedimento ai sensi dell’art. 7 della L. 241/’90;

RICHIAMATA la propria precedente Ordinanza n. 9 del 17/09/2018;

A seguito della conclusione del sopralluogo effettuato sul luogo dall’Azienda USL - UFS Igiene Pubblica e

Nutrizione e ARPAT, è stata ravvisata l’opportunità di prendere le seguenti ulteriori misure cautelative;

O R D I N A

Di prorogare dal giorno 18 Settembre 2018 fino a tutto il giorno 21 Settembre 2018

- la chiusura delle finestre delle abitazioni e disattivare gli impianti di ricambio d'aria fino alla

distanza di metri 200 dal luogo dell’incendio;

- la chiusura della scuola primaria “L. da Vinci” e della scuola dell’infanzia “Falcone

e Borsellino” con sospensione dell’attività didattica; l’utilizzo degli spazi esterni delle suddette

scuole invece, è precluso fino a nuova disposizione, che verrà adottata sulla base dei risultati

campionari;

- la chiusura del bocciodromo comunale “F.lli Stefanelli”;

- la chiusura completa del centro sportivo “La Palagina” ;

- nel periodo interessato alla chiusura di provvedere alla scrupolosa e completa pulizia di tutti i locali

delle scuole, del bocciodromo e del centro sportivo, con particolare riguardo alle superfici interne ed

esterne ivi compresi davanzali, porte ecc.;

- di non sostare, curiosare e permanere all’aperto nelle strade e nei luoghi pubblici a meno di metri

200 dal luogo dell’incendio anche al fine di non ostacolare lo svolgimento delle attività di messa in

sicurezza;

- di non utilizzare sempre nel perimetro di 200 metri dal luogo dell’incendio colture di ogni tipo

compreso i foraggi fino a nuova disposizione, in ordine alla disponibilità dei risultati campionari;

I N F O R M A

che, ai sensi della legge n.241/90, Responsabile del Procedimento è l’Ing. Alessandro Rizzello del Settore

Tecnico Manutentivo e Ambiente del Comune di Pieve a Nievole;

A V V E R T E

che ai sensi dell'art. 3 della Legge n. 241/90, contro il presente atto può essere presentato ricorso,

alternativamente, al TAR competente ai sensi della Legge n. 1034/71 e successive modificazioni, o al

Presidente della Repubblica, ai sensi dell'Art. 98 del D.P.R. 24 novembre 1971, rispettivamente entro 60 gg.

ed entro 120 gg. a decorrere dalla data di pubblicazione del presente atto;

D I S P O N E

- che la presente ordinanza abbia effetto immediato e sia, per meri scopi notiziali, affisso all’Albo

Pretorio per quindici giorni;

- di darne la massima diffusione alla cittadinanza, sul sito del Comune e trasmessa ai principali

quotidiani locali;

- che gli organi di Polizia Locale e di Polizia di Stato siano deputati al controllo dell'osservanza del

presente provvedimento;

- la trasmissione del presente provvedimento:

? Asl Toscana Centro – Servizio Igiene e sanità pubblica – Zona Valdinievole

? Istituto Comprensivo Galilei Pieve a Nievole

? Gestori del centro sportivo La Palagina e del Bocciodromo comunale F.lli Stefanelli

IL SINDACO

Gilda Diolaiuti 

 

 

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento Bruno Martedì, 18 Settembre 2018 07:41 inviato da Bruno

    Non avrei mai immaginato che l incendio di una serra agricola potesse generare addirittura la chiusura delle scuole adiacenti per ben 5 giorni. La cosa evidentemente è seria e il nocciolo del problema parrebbe essere l incendio dell "l'armadio con fitofarmaci, diserbanti e veleni chimici"..Ma che razza di sostanze sono? comunque, se le conseguenze sono queste, forse tali armadi con queste sostanze in tutte le aziende dovrebbero essere protette da presidi antiincendio... Noi cittadini siamo molto preoccupati soprattutto per i bambini.

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.