VALDINIEVOLE

Lunedì, 25 Giugno 2018 00:42

Trionfo di Oreste Giurlani a Pescia: eletto con oltre il 61%

I dati definitivi confermano la tendenza emersa dai primi seggi scrutinati

PESCIA – Trionfo di Oreste Giurlani a Pescia: ha ottenuto nelle 20 sezioni scrutinate, il 61,29 % delle preferenze, lasciando le briciole al suo avversario Francesco Conforti, che si è fermato al 38,71%. La forbice fra i due si è allargata, passando dal 16,2 al 22,5 per cento.

Oreste Giurlani dunque succede... a se stesso.

Dopo l'intervallo del commissariamento del comune di Pescia per le note vicende giudiziarie e la “scomunica” del suo partito, i pesciatini hanno ancora dato fiducia all'ex sindaco, che ha battuto nettamente il suo rivale al ballottaggio. Un testa a testa in cui Giurlani è prevalso con chiarezza su Conforti.

Non c'è stato insomma un testa a testa, come si poteva attendere dopo che il Pd pesciatino aveva indicato chiaramente di non votare Giurlani. E dopo che gli altri candidati esclusi dal ballottaggio - Marco Ardis (M5s), Giancarlo Mandara (Voltiamo Pagina), Giacomo Melosi (CasaPound) e Angelo Morini (Percorso Comune) - avevano scelto di non fare nessun apparentamento. Hanno votato poco più di 7.000 persone, il 43,32% degli elettori aventi diritto.

Oltre il 10% in meno rispetto al primo turno il dato finale dell'affluenza: per la precisione –12, 23 per cento. Un segnale chiaro: molti di coloro che il 10 giugno non avevano votato né per Giurlani, né per Conforti hanno scelto l'astensione. E questo ha giocato a favore di Oreste Giurlani, che nonostante la scomunica del suo ex partito, il Pd, è riuscito a riprendersi il comune, che aveva dovuto lasciare per le sue disavventure giudiziarie legate all'affaire-Uncem. Una tendenza che è apparsa chiara fin dai primi dati in arrivo dai seggi e che non ha mai avuto inversioni di tendenza.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.