VALDINIEVOLE
Sabato, 19 Maggio 2018 13:12

Oltre 2 chili di hashish, quasi un etto di coca e una pistola

nella foto il questore vicario Gianpaolo Patruno, il capo della Mobile Antonio Fusco e gli investigatori nella foto il questore vicario Gianpaolo Patruno, il capo della Mobile Antonio Fusco e gli investigatori foto Carlo Quartieri

Sequestrato il materiale dello spaccio ai giardini pubblici

MONSUMMANO – Una vasta operazione antidroga della Squadra Mobile di Pistoia. Due persone di Monsummano sono state arrestate nel pomeriggio di ieri in flagranza di reato. Uno è stato trovato con 2 chili di hashish e una pistola.

Si tratta di F.F, italiano 40enne residente a Monsummano, per gli inquirenti il fornitore. Durante la perquisizione nel suo appartamento gli investigatori hanno trovato due chili di hashish suddivisi in quattro diversi panetti e 98 grammi di cocaina. E ancora: una pistola marca Walther calibro 7.65 browning, con matricola parzialmente abrasa rubata a Bologna, e 20 cartucce calibro 7.65. E poi due bilancini di precisione e un sistema di sigillatura sottovuoto. E contanti, 9.400 euro suddivisi in banconote da 100 e da 50 euro. Il 40enne adesso si trova al carcere di Santa Caterina in Brana

C.A., 40enne residente a Monsummano, "artigiano nella ristorazione" ha spiegato il capo della Mobile Antonio Fusco. L'uomo, che si trova ai domiciliari, è stato trovato in possesso di 50 grammi di hashish, 7,5 grammi di marijuana e un bilancino di precisione adatto per predisporre la vendita dello stupefacente.

Gli arresti rappresentano l’esito di un’attività investigativa della Squadra Mobile - diretta dal sostituto procuratore Linda Gambassi - effettuata nelle ultime settimane, con servizi di osservazione e appostamento, a seguito della segnalazione da parte di alcuni cittadini di un’attività di spaccio di sostanze stupefacenti nei giardini di Monsummano.

"Ennesima operazione della Squadra Mobile, ancora una volta abbiamo un territorio della Valdinievole, ed è Monsummano. Come potete notare sono stati fatti dei sequestri importanti di sostanza stupefacente, ritrovata anche un'arma provento di furto. Ancora una volta stiamo battendo una zona da dove ci arrivano numerose segnalazioni per lo spaccio di sostanza" ha spiegato il vicario del Questore, Gianpaolo Patruno. 

Un'operazione classica, quella condotta dagli investigatori dell'Antidroga, nata a seguito di segnalazioni da parte di genitori preoccupati dell'attività di spaccio nella zona dei giardini pubblici.

"Abbiamo fatto delle attività di osservazione e di appostamento che ci hanno portato ad individuare due persone - ha continuato il vicequestore Antonio Fusco -  E nel pomeriggio di ieri quando abbiamo avuto abbastanza elementi, abbiamo fatto delle perquisizioni in base all'articolo 103 della legge degli stupefacenti, che hanno avuto buon esito".

Marijuana, cocaina, una pistola e hashish...Quattro panetti segnati "Euro", "50", sigle che riconducono alla provenienza (paese europeo o extraeuropeo) e che indicano la qualità. (i.l)

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.