VALDINIEVOLE
Lunedì, 12 Febbraio 2018 11:36

E nel Pd di Pescia scoppia la polemica sulla scelta del candidato a sindaco

PESCIA - “Oh, finalmente il Pd di Pescia ha battuto un colpo!”

E' l'inizio di una nota polemica firmata da Nicola Romagnani (segretario del Circolo Pd di Pescia centro) per la scelta che ormai sembra avvalorarsi di Marco Della Felice come candidato a sindaco delle prossime amministrative nella Città dei fiori e che Romagnani considera una scelta sulla “ via della sconfitta onorevole”.

Si tratta di una polemica, finora sotterranea, ma che da tempo (fin dall'esplodere del caso-Giurlani) sta terremotando il Pd pesciatino. Romagnani dice con chiarezza che non ci sta. “Ma chi l’ha deciso? A me non pare – scrive Romagnani - che ci sia tutto questo entusiasmo per Della Felice, cui dico: Caro Marco, facciamo le primarie! Misuriamoci di fronte agli elettori: siano loro a decidere e legittimare la candidatura, mia, tua o di chi voglia provarci. È così che si fa nel Pd!”

Dopo il rifiuto di Marco Niccolai, per il segretario del Circolo centro non rimangono insomma che le primarie. “Pd non vuole dire Partito Democratico? E facciamo che democratico lo sia! Ci deve essere spazio per chi vuole bene alla città – e non solo agli equilibri di corrente –, non siano solo 40 persone chiuse in una stanza a decidere: il partito è di tutti”.

Inutile dire che per il Pd, al quale a Pescia le grane certo non mancano, si tratta di una bella gatta da pelare. In questi giorni di sicuro la “ribellione” di Romagnani sarà al centro dell'attenzione del partito.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.