VALDINIEVOLE
Giovedì, 08 Febbraio 2018 18:03

E nell'offerta formativa a Montecatini entra l'Unesco

MONTECATINI – Montecatini aspetta l'ingresso nei siti riconosciuti dall'Unesco. Intanto la scuola termale si attrezza con una proposta di lavoro che è stata presentata stamani alla scuole “Pascoli”.

In occasione della candidatura alla lista del patrimonio Mondiale Unesco del sito seriale e trasnazionale “Great Spas of Europe” di cui fa parte la città di Montecatini Terme, l’Istituto Comprensivo “G. Chini”, diretto da Roberta Tommei, ha presentato un progetto dedicato alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale e alla sensibilizzazione ai valori promossi dall’Unesco: un progetto che coinvolge tutti gli studenti, dall’infanzia, passando per la scuola primaria, arrivando alla secondaria di primo grado.

“Tale candidatura rappresenta un’occasione per la scuola, insegnanti e ragazzi, per valorizzare il territorio, conoscere bene le proprie origini, conservare il patrimonio culturale di questo territorio, e per le peculiarità che lo contraddistinguono, facendo nostri i valori dell’Unesco - ha detto la dirigente Tommei – grazie a un contributo dell’amministrazione comunale che ci ha permesso di usufruire di finanziamenti da parte di fondazioni bancarie, far intervenire esperti del settore”.

“La conoscenza del territorio è essenziale nella formazione di ogni cittadino ed educare da subito i ragazzi ad apprezzare il nostro patrimonio rappresenta un aspetto e un progetto davvero importante da rimarcare” - ha aggiunto il vicesindaco Ennio Rucco.

La presidente della commissione consiliare Unesco Beatrice Chelli ha poi ricordato la candidatura seriale trasnazionale delle undici città europee tra cui Montecatini Terme: nel 2019 arriverà l’atteso traguardo e l’ingresso della città nel Patrimonio mondiale dell’umanità.

In sintesi le proposte del progetto, differenziato in base all’età dei ragazzi, con varie tipologie di laboratori e di lavori sul tema Unesco e Terme.

Questo gli scopi ed una breve sintesi del contenuto delle attività progettuali previste:

- Rendere gli alunni consapevoli del patrimonio naturale e culturale del territorio in cui vivono, farlo loro conoscere, insegnare loro a valorizzarlo, rispettarlo, proteggerlo.

- Il tutto, in linea con il programma educativo internazionale Unesco, che tende all’introduzione nel curriculum scolastico dell’”Educazione al Patrimonio Mondiale”, per favorire lo sviluppo e il senso di appartenenza ad una cittadinanza mondiale, per sollecitare forme attive di protezione del patrimonio naturale e culturale.     

- Tenuto conto dell’età dei ragazzi, il progetto si snoda attraverso una serie di azioni (laboratori di lettura animata, drammatizzazione di storie, letture-spettacolo, laboratori storico artistici, teatrali, raccolta di testimonianze e memorie), tutte aventi come punto di riferimento il patrimonio termale, culturale ed artistico della nostra cittadina. Ciascuna azione si concluderà con la produzione di elaborati vari, incontri di restituzione finale, micro performance e spettacoli teatrali, attraverso cui sarà reso visibile il lavoro svolto.

Referente progetto “Istituto Chini verso  Unesco” è Elisabetta Campioni che raccorda: i Referenti del progetto lettura (Annamaria Porciatti, Saviano Faira ed Elisa D’Ettoris ); i referenti del progetto storico artistico (Elena Gilardi e Teresa Fera); i referenti di continuità e disagio (Leonardo Pupilli, Rosanna Ancona e Raffaela Ruggiero.

Infine questi sono gli esperti che affiancheranno gli insegnanti: Bruna Rossi, Rosita Rabatti, Anita Arrighi, Stefano Tognarelli, Luca Privitera, Teresa Fera, Emanuel Carfora, la Bimboteca.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.