Contenuto Principale

Chiesina Uzzanese, l’Amministrazione comunale traccia un bilancio delle spese per il sociale nel 2017

CHIESINA UZZANESE - Fine anno dedicato dall’Amministrazione comunale di Chiesina Uzzanese a reperire fondi per aiutare le famiglie in difficoltà e far passare loro un Natale migliore.

Sono state 67 le famiglie, ovviamente per importi diversi a seconda del numero dei componenti, che quest’anno hanno beneficiato dei buoni acquisto comunali. Dal momento che dalla graduatoria dell’apposito bando erano rimaste escluse 6 famiglie italiane, è stato deciso di integrare i fondi in modo che tutti coloro che avevano fatto domanda ottenessero i buoni.

L’ammontare complessivo è di 16.000 euro che questi cittadini chiesinesi potranno spendere, per specifiche tipologie di prodotti, solo nei negozi del territorio comunale convenzionati, con ovvie ricadute positive anche sui loro fatturati.

Sono stati poi preparati e distribuiti 40 pacchi di generi alimentari di prima necessità ad altrettante famiglie oltre alle ormai classiche stelle di natale a 20 ultra ottantacinquenni.

Oltre ai circa 170.000 euro destinati alla Società della salute della Valdinievole che eroga, grazie alle assistenti sociali, le prestazioni sociali e socio sanitarie sul territorio, il Comune ha stanziato un ulteriore fondo di circa 15.000 euro per interventi relativi alle politiche sociali e fondi solidarietà per le situazioni più gravi. Inoltre sempre nel 2017 sono stati erogati, oltre ai 15.000 euro della Regione, 20.000 euro di stanziamenti comunali come contributo per gli affitti relativi al 2016. Esistono poi contributi per aiutare gli utenti in difficoltà nel pagamento della tariffa idrica e sono stati stanziati dei fondi per coloro che erano in difficoltà a pagare il servizio di raccolta rifiuti.

E’ stato poi introdotto, dal Governo, il reddito di inclusione per il quale gli uffici comunali sono a disposizione per le domande.

Sempre in tema di sociale sono stati erogati contributi alle associazioni di volontariato che operano in tale ambito ed alla scuola dell’infanzia paritaria Maria Ausiliatrice, così come alle società sportive del territorio che operano nel settore giovanile.

“Anche nel bilancio di previsione 2018 – si legge in una nota dell’Amministrazione - abbiamo voluto mantenere con enormi sacrifici gli stanziamenti destinati alla spesa sociale perché, nonostante i vari proclami, la situazione reale che affrontiamo ogni giorno ci disegna un quadro di crisi economica e sociale per molte famiglie”.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna