Contenuto Principale

Montecatini, ascoltato dalla Polizia il giovane aggredito in via Merlini

nella foto la strada dove è stato ritrovato il 19enne nella foto la strada dove è stato ritrovato il 19enne

MONTECATINI – La ricostruzione di ciò che è successo al giovane montecatinese di 19 anni è al vaglio degli investigatori di polizia giudiziaria del commissariato di Montecatini.

E' stata la madre del ragazzo, che sul gruppo Facebook “Terme-Cittadini di Buonsenso”, ha denunciato pubblicamente la violenta rapina subita dal figlio in via Merlini. “Stanotte (per chi legge si parla della notte del primo novembre, ndr) mio figlio è stato pestato a sangue davanti casa per rubargli l'orologio e il portafoglio”.

Il giovane, studente universitario al primo anno, ha raccontato ai familiari di essere stato aggredito alle spalle da ignoti e picchiato per il Rolex che aveva al polso e per il portafogli con circa 80 euro. E' infatti stato trovato da una coppia di ragazzi svenuto sul marciapiede e con la parte sinistra del viso coperta di sangue. Il 19enne ha riportato un trauma facciale e la frattura dello zigomo sinistro. La prognosi per lui è di trenta giorni. Domani, venerdì tre novembre alle 18, è in programma una fiaccolata davanti a palazzo comunale in viale Verdi contro il degrado e la delinquenza, "per tutti i nostri figli di Montecatini" ha scritto la madre del ragazzo su Facebook.

Le indagini.

Gli investigatori stanno battendo tutte le ipotesi in campo. Ci sono accertamenti in corso. Sono state visionate anche alcune telecamere che si affacciano su via Bassi angolo via Merlini e che forse hanno ripreso qualche momento utile all'indagine. Perché il giovane dell'aggressione subita non ricorda nulla ha scritto la madre sempre su Facebook. "Solo il precedente momento prima dell'aggressione".

Ed è ciò che il 19enne ha ripetuto ai poliziotti in sede di denuncia questo pomeriggio in commissariato accompagnato dalla madre: non si ricorda nulla di ciò che è successo ma solo i momenti prima e dopo l'aggressione, quando appunto è stato trovato da due ragazzi in strada che lo hanno soccorso e accompagnato a casa.

La ricostruzione.

E' verso le 3 della notte del primo novembre che il 19enne, in compagnia di un amico, lascia la discoteca Dadamaino per tornare a casa: con alcuni coetanei ha infatti passato la notte di Halloween nel locale di Pieve a Nievole.

Il giovane si fa lasciare dall'amico in via Ugo Bassi, angolo via Merlini, a circa 300 metri da casa sua. Dal supermercato Conad gira l'angolo e percorre la strada per circa un centinaio di metri. La villetta dove vive con la madre e la sorella di due anni più grande è in fondo alla via, vicino alla ex Kartos di via Tevere. In via Merlini, nella zona sud di Montecatini, da un lato ci sono villette mentre dall'altro c'è un giardinetto che si allunga fino alla fine della strada.

L'aggressione.

Ciò che è successo al 19enne, nell'arco di tempo che va dalle 3.30 alle 5.30 del mattino, deve essere ricostruito dagli inquirenti. Quello che è certo è che a chiamare i soccorsi è stata una coppia di ragazzi che ha visto il 19enne disteso sul marciapiede, privo di sensi, e con il lato sinistro del volto sanguinante: lo zigomo è fratturato e intorno all'occhio e sulla fronte ci sono abrasioni. L'aggressione si collocherebbe all'incirca dopo le 4 e il 19enne è stato soccorso dai due intorno alle 5 e accompagnato a casa dalla madre che ha dato l'allarme.

Una ambulanza del 118 lo ha trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Pescia e per il giovane la prognosi è di 30 giorni. E' stato escluso l'intervento chirurgico all'ospedale di Careggi. (i.l)

 

 

Commenti   

#1 marco 2017-11-03 17:59
La Nazione , sulla civetta , seguendo una moda consolidata ha titolato :
MASSACRATO PER UN ROLEX-
Chi sta indagando dovrà chiarirsi diversi punti . Più articoli leggo , più versioni trovo . In uno , la madre viene definita Madrecoraggio .
Ma chi scrive sui giornali ?????
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna