Segnala il commento come inappropriato

La nostra famigli è composta da me, mio marito, una figlia di 14 anni e due gatti.
Abbiamo sempre avuto cani, io in particolare trovatelli problematici.
L'ultima arrivata è Naty, abbandonata ad 1 anno e mezzo, restata in canile per 6 anni e da 7 mesi è con noi. La nostra prima esperienza con clc, eravamo preparatissimi sotto l'aspetto teorico ma nessun contatto diretto con questa razza. Provar per credere, non è un cane qualunque ...
L'associazione dove l'abbiamo presa, aveva giustamente mille perplessità sia per il contesto familiare sia per la nostra inesperinza.
Naty è stata descritta come un cane fondamentalmente buono, ma con molte problematiche nella gestione e comportamento, un piccolo DEMONIO, problemi con: persone, cani, gatti non testati, passeggiate solo guinzaglio semistrozzo, non avvicinarsi alla ciotola mentre mangiava, ecc..
Premetto subito che noi non condividiamo l'idea del capo branco o del maschio alfa ma basiamo la convivenza in un contesto di reciproco ripetto alla pari, certo ci sono regole da rispettare ma nulla di più.
Naty, pur essendo seguita da esperti in clc, non è mai stata compresa realmente, tutta l'aggressivita e l'incapacità di gestire le proprie emozioni erano dovute ad un approccio non corretto da parte dei gestori, ovviamente non ne faccio una colpa, è una razza particolare e necessità veramente di molto tempo, H24 e soprattutto ognuno ha i suoi modi di interagire.
Data la nostra inesperienza, ci siamo fatti aiutare fin da subito da una esperta con metodi ed approcci compatibili con il nostro modo di essere.
Alla prima uscita, gli abbiamo messo una pettorina H e dopo mezz'ora non avevo problemi nel farmi strattonare, non siamo mai stati aggrediti e non ci siamo mai sentiti in pericolo con lei, mai riscontrato problimi con il mangiare e con le persone di famiglia e amici è amorevole, con gli estranei se gli si da i suoi tempi per l'approccio è dolcissima e soprattutto i miei gatti sono ancora salvi e sani.
Questa testimonianza, vuole dimostrare che forse anche gli esperti possono sbagliare, non per incapacità, ma anche solo per una questione di metodologia di approccio o tempo da dedicare. Se una persona è così determinata ad adottare un cane, potrà non piacere all'esperto del canile, ma non per questo vuol dire che sia una persona non idonea.
Credo che dopo 3 anni, Asso abbia tutto il diritto di avere una possibilità!!!