TOSCANA
Sabato, 21 Aprile 2018 12:06

Firenze, dopo l'ordinanza diminuiscono le prostitute

FIRENZE - Trecentottantaquattro servizi effettuati sia con l’auto di servizio che tramite agenti in borghese, 27 persone denunciate e la rimozione di una roulotte in viale Guidoni usata per consumare i rapporti sessuali.

Sono i risultati a cui ha portato l’ordinanza del sindaco Dario Nardella contro lo sfruttamento della prostituzione, in vigore dal 14 settembre 2017 al 14 marzo scorso. “Siamo soddisfatti degli effetti dell’ordinanza - ha detto il sindaco Nardella - perché con l’entrata in vigore il fenomeno della prostituzione si è sensibilmente ridotto nelle zone del nostro comune dove era più presente. La diminuzione ci è stata confermata anche dalle molte associazioni di volontariato che operano sul nostro territorio per supportare le vittime, e che ringraziamo per la loro attività”. 

Il sindaco ha poi spiegato che “l’ordinanza, per definizione, ha un tempo limitato” e che la Polizia municipale, anche adesso che l’atto non è più vigente, continuerà a fare i controlli e qualora il fenomeno dovesse ripetersi nell’entità registrata prima dell’entrata in vigore dell’atto “saremo pronti a firmare una nuova ordinanza per andare avanti con questa azione di contrasto del fenomeno”.

Nei sei mesi di vigenza dell’applicazione dell’ordinanza i controlli della Polizia municipale si sono svolti in tutti i cinque quartieri della città: nel Quartiere 1 è stata accertata una violazione in piazzale Jefferson, nel Q2 sono state accertate otto violazioni nelle vie Ambrosoli, De Nicola, Della Nave a Rovezzano, Generale dalla Chiesa; nessuna nei quartieri 3 e 4 e ben 18 nel quartiere 5 in via Pistoiese, viale XI Agosto, via Pratese, viale Guidoni, via Allori, via Molise, via della Stazione delle Cascine, via S. Allende e via Campani. Le strade con più violazioni si sono rivelate via Pistoiese con 8, via de Nicola con 3, via della Nave a Rovezzano con 2, viale XI Agosto con 2 e viale Guidoni con 2.

I trasgressori si sono rivelati in diverse fasce di età: fino a 25 ci sono stati 4 denunciati, tra 26 e 45 ci sono stati 12 denunciati, tra 46 e 65 nove denunciati e solo un denunciato 68enne. Tra di loro, la maggior parte risiede a Firenze (15), altri 6 appartengono al Comune di Firenze e sei di altre province. La maggior parte di loro sono lavoratori (20) e disoccupati (4). Abbiamo poi due studenti ed un pensionato. Riguardo alle prostitute, nessuna di loro è risultata minorenne, ben 18 hanno tra i 25 ed i 35 anni, sei tra i 18 e i 24 e solo due sono ultratrentacinquenni. Prevale tra di loro la nazionalità romena (15), poi albanese (8).

L’ordinanza contingibile e urgente firmata dal sindaco a settembre scorso era volta a sanzionare chi chiede o accetta prestazioni sessuali e a tutelare le persone che sono o possono essere oggetto di sfruttamento, puntava a contrastare lo sfruttamento della prostituzione. L’atto è stato reso possibile dal decreto Minniti, convertito in legge nell’aprile 2017, che per la prima volta ha consentito ai sindaci di emettere un’ordinanza contro coloro che ottengono prestazioni sessuali a pagamento. Il provvedimento prevedeva a carico dei ‘clienti’ delle prostitute un procedimento penale che prevedeva l’arresto fino a 3 mesi o una ammenda fino a 206 euro.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.