Contenuto Principale

Restauro del Cristo del Giambologna: la tac al Santa Maria Nuova

FIRENZE - Saranno necessari diciotto mesi per sottoporre ad accurato restauro il “Cristo del Giambologna”, rimosso oggi dalla chiesa di Sant'Egidio interna all’ospedale di Santa Maria Nuova.

Circa 3 ore di delicato e meticoloso lavoro, oltre alle competenze di numerosi professionisti, sono servite per lo smontaggio del manufatto di cartapesta dalla sede lignea naturale, collocata alle spalle dell’altare maggiore. Una prima indagine di massima, ai fini di conoscere lo stato conservativo dell’opera cinquecentesca, sarà fornita dagli esiti “diagnostici” che emergeranno dalla Tac, effettuata subito dopo la dislocazione dal dottor Roberto Carpi, direttore della radiodiagnostica di Santa Maria Nuova e dalla sua équipe.

"L'indagine diagnostica -ha spiegato la dottoressa Marina Farina, referente aziendale del patrimonio storico e artistico- fornirà dati fondamentali sullo stato di conservazione e dettagli dell'interno dell'opera, che guideranno i restauratori nel riportare il Crocifisso al suo stato originario".

La conoscenza dello stato strutturale odierno dell’opera darà modo al restauro di essere eseguito con una maggior sicurezza. Successivamente il manufatto d’arte è stato affidato alle cure della dottoressa Anna Fulimeni, specializzata presso l'Opificio delle Pietre Dure.

Il progetto di restauro, approvato dalla soprintendenza delle belle arti già dal mese di aprile, è stato interamente finanziato dal Rotary club Firenze Valdisieve, con il quale la fondazione Santa Maria Nuova Onlus ha firmato un protocollo d’intesa per fissare i reciproci impegni.

“Quest’ennesima iniziativa si colloca all’interno del percorso di recupero storico – artistico, ormai avviato da anni, di tutte le opere d’arte contenute all’interno del nosocomio più vecchio del mondo ed è tesa a contribuire alla valorizzazione dell’enorme patrimonio culturale che ancora tende a “nascondersi!”

E’ quanto ha dichiarato il dottor Giancarlo Landini, presidente della Fondazione Santa Maria Nuova Olus, riguardo questa nuova ed entusiasmante sfida artistica tesa a riconsegnarci un’opera così, come sicuramente appariva, nel suo originario splendore.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito

Agenda Toscana

Gli ultimi di Ascanio Celestini, in scena al Teatro delle Arti con "Laika“

FIRENZE - Il protagonista è Gesù in persona. Un Cristo umanissimo, cieco, che sente la…

Roberto Carifi presenta La casa nel bosco

PISTOIA - "La casa nel bosco chiama in causa, ancora, la dentiera dell’angelo. Diciamo…

Serravalle, giovedì 18 gennaio mancanza d'acqua in alcune vie

SERRAVALLE – Publiacqua informa i cittadini del Comune di Serravalle Pistoiese che, causa…

Visita alla mostra "legati da una cintola", Palazzo Pretorio, Prato

PRATO - Sono aperte le prenotazioni per la visita guidata gratuita, organizzata per…

Sbarca a Pistoia il Club del Negroni, eccellenza del bere toscano

PISTOIA - Il Club del Negroni è prima di tutto una filosofia di vita, legata al bere di…

Reportpistoia su Facebook