Contenuto Principale

Arezzo, al "funerale del grano" cortei con bare e carri

nella foto la marcia degli agricoltori nella foto la marcia degli agricoltori

AREZZO - “Il grano è morto sotto il peso della concorrenza e delle riduzioni di prezzo".

Per questo motivo stamani centinaia di agricoltori si sono riuniti al casello A1 Valdichiana-Bettolle, in provincia di Siena,  per mettere in scena il funerale di un prodotto che “deve essere tutelato perché rischia di scomparire". La protesta, con tanto di marcia funebre, carro e bara, è stata promossa da Confagricoltura, Cia, Apima e Cooperative, in rappresentanza degli agricoltori di Toscana, Umbria, Abruzzo e Lazio e ha visto la partecipazione di numerosi sindaci e istituzioni del territorio.

“E’ un grido di allarme contro una situazione che rischia di mettere in ginocchio i produttori locali, già fortemente indebitati, con conseguenze disastrose per l’economia nazionale - spiega il direttore di Confagricoltura Arezzo, Gianluca Ghini, presente stamani alla manifestazione - Il nostro grano subisce senza alcuna difesa i colpi di una speculazione e di una concorrenza spietate”. Tutta la filiera di grano e pasta, secondo Confagricoltura, può essere italiana. “Lo spazio per una produzione 100% italiana c’è - continua Ghini -  ma è necessario che l’attestazione di origine sia chiara in ogni singolo passaggio, dal campo allo scaffale, con indicazione obbligatoria sulle confezioni di pasta”. 

Un cambiamento apprezzato dall’industria molitoria e che potrebbe diventare conveniente anche per i pastifici, se il prodotto totalmente made in Italy fosse poi valorizzato adeguatamente dalla grande distribuzione. I numeri Istat e di Confagricoltura fotografano la realtà italiana. A fronte di una produzione nazionale di 4 milioni di tonnellate di grano duro, gli italiani ne consumano 3 tonnellate e le importazioni sono di 2,5 milioni. Invece le esportazioni, di granella e prodotti trasformati come la pasta, ammontano a 3,5 milioni di tonnellate. Altro discorso per il grano tenero, l’Italia ne consuma 7,3 milioni di tonnellate e la produzione è di 3 milioni. 4,5 milioni di tonnellate importate contro l'export di appena 200mila tonnellate.

“Oggi abbiamo celebrato il funerale del grano duro. Purtroppo - ha dichiarato Massimiliano Giansanti, vicepresidente nazionale di Confagricoltura, presente stamani alla manifestazione - l'andamento dei mercati mette in profonda crisi i nostri cerealicoltori del centro e sud Italia costretti a fare i conti un'economia dove le perdite accumulate nella coltivazione di questo prodotto sono superiori ai ricavi. Speriamo che questo momento possa passare velocemente perché stiamo vivendo il paradosso che oggi un agricoltore dà da mangiare a 200 italiani ma 200 italiani non riescono a dar da mangiare all'agricoltore. Questo non possiamo più permettercelo quindi è necessario oggi più che mai che la filiera del grano duro in Italia possa ritrovarsi intorno ad un progetto unitario che possa vedere gli imprenditori agricoli protagonisti al pari del settore dell'industria, come già ribadito nel recente convegno a Milano presso Aidepi. Ci auguriamo che con la costituzione della Cun, la Commissione Unica Nazionale, il ruolo della produzione primaria possa avere un adeguato riconoscimento in termini di prezzo nella valorizzazione del grano duro”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito

Agenda Toscana

La montagna pistoiese in un libro di Lorenzo Niccoli

SAN MARCELLO - Lunedì 29 maggio alle 16, Lorenzo Niccoli, consigliere del Club Alpino…

Germinaia, frana in via Iano: al via i lavori di messa in sicurezza

PISTOIA - In via Iano Germinaia (nel tratto in prossimità dell'abitato di Germinaia in…

"La nobiltà pesciatina, le alleanze matrimoniali" alla Forteguerriana

PISTOIA - Martedì 30 maggio alle 17, nella sala Gatteschi della biblioteca…

Al Circolo di Uzzano, appuntamento con Slow Food e lo chef Calvetti

UZZANO - Proseguono gli appuntamenti gastronomici della condotta Slow Food Valdinievole.…

Pistoia, martedì 11 lavori rete idrica: mancanza d'acqua in alcune vie

PISTOIA – Publiacqua nforma gli utenti del Comune di Pistoia che, causa lavori sulla rete…

Reportpistoia su Facebook