LA BRACE
Ristorante Pizzeria 
Il ristorante pizzeria la Brace si trova a poche centinaia di metri dal centro storico, è un locale moderno, apprezzato dai giovani ma anche da meno giovani e famiglie. A conduzione familiare, è gestito da venti anni da Claudio e Laura, che con la loro esperienza nella ristorazione - e la passione di Laura nel creare sempre piatti nuovi - offre alla clientela un menù tipico di cucina toscana di terra e mare con piatti sempre nuovi. Completa l'offerta la gentilezza e la preparazione di Claudio che riesce sempre a soddisfare le esigenze dei clienti. Quest'anno nel menù sono stati inseriti piatti nuovi a base di tartufo, funghi e pesce. Ad accompagnare le portate, una eccellente carta dei vini con le migliori etichette, compresi i vini biologici. Per chi ama la pizza cotta nel forno a legna, qui può trovare numerose varietà di proposte, oltre alle schiacciatine ed ai calzoni, accompagnati da buone birre, vini e bevande varie. Per chi viene a visitare Pistoia, il locale offre un menù turistico a 15 €, e il giovedì serata speciale con pizza e bevuta a 8 €.




Stampa
 
LA BRACE - Ristorante Pizzeria

Via delle Olimpiadi, 2, 51100 Pistoia PT
Per info: 0573 26352
Contenuto Principale

CARMIGNANO - Più controlli sul territorio, potenziamento dei pattugliamenti da parte della Polizia Municipale, uso di foto-trappole e miglioramento del dialogo tra i cittadini, l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine.

Pubblicato in Prato Provincia

PRATO - La visita pastorale di Sua Santità Papa Francesco a Prato si è svolta e conclusa seguendo il previsto programma.

Pubblicato in Prato

Il Sulp-Diccap (Sindacato di Polizia locale) osserva, con attenta curiosità che, negli ultimi incontri tenuti tra l’Amministrazione comunale di Pistoia, le associazioni ed i comitati coinvolti nella realtà notturna della “movida” del centro storico, sono emersi alcuni punti di interesse che, però, non sono attinenti alla realtà normativa italiana. Nella bolgia notturna, l’Amministrazione comunale intende impiegare la Polizia Municipale come “…polizia di prossimità a tutela del decoro e della quiete pubblica, in particolare nella città storica.”, affermazioni giustissime e condivisibili, ma è opportuno considerare che le operatività richieste per le problematiche del Centro Storico ricadono nelle attività, proprie, di Pubblica Sicurezza. Lo scrivente Sindacato di Polizia Locale evidenzia che, ai sensi degli articoli 3 e 5 della Legge 65/86 (Ordinamento della Polizia municipale), la stessa svolge funzioni solamente “ausiliarie di pubblica sicurezza” e non assolutamente titolari come invece si vorrebbe intendere. Questo è indicato, anche, dal D.Lgs. 112/98, dal cui articolo 159 si può essere riassumere che: la polizia locale si attiva e lavora al fine di evitare danni e pregiudizi che possono essere arrecati, alla comunità ed alle cose, dagli stessi consociati nello svolgimento di attività relative alle materie nelle quali vengono esercitate le competenze che lo Stato ha delegato alle Regioni e agli enti locali, ma con la particolarità che non devono concernere beni ed interessi tutelati in funzione dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica.

Pare, pertanto evidente che, la polizia municipale non può essere la protagonista primaria della movida notturna del centro storico, ma solamente secondaria e, pertanto, confidiamo che l’Amministrazione comunale riveda l’impiego della polizia municipale facendola rientrare nelle proprie specifiche competenze con funzioni, pertanto, ausiliarie di pubblica sicurezza senza farla sconfinare in ambiti di intervento, propri, di altri organi di Polizia di stato. Il sindacato di polizia locale si sta battendo, da anni, per incentivare una riforma della categoria, in quanto la Legge 65/86 è veramente obsoleta, però molte proposte legislative giacciono dimenticate in un Parlamento non molto interessato. Quindi, fintanto che la Legge 65/86 non verrà aggiornata alle realtà del ventunesimo secolo, equiparando le Polizie municipali italiane alle altre forze di Polizia di stato, le Pm potranno fare ben poco per la sicurezza pubblica se non svolgere funzioni ausiliarie alle altre polizie nazionali. Vogliamo ricordare che, ad oggi, gli agenti e gli ufficiali delle polizie municipali italiane sono parificati agli impiegati comunali senza tutele, protezioni e lasciandoli all’improvvisazione politica e tecnica, con l’intenzione, però, di far loro svolgere funzioni di polizia a tutto tondo. 

*Sulp-Diccap (Sindacato Polizia Locale)

 

Pubblicato in Agorà
Mercoledì, 09 Luglio 2014 15:16

Blues, alcolici e movida: ecco i provvedimenti

Pistoia - In vista della partenza del Pistoia Blues Festival, il sindaco ha firmato un'ordinanza a tutela della sicurezza pubblica e del decoro cittadino e per disciplinare la vendita di alcolici.

Pubblicato in Pistoia Festival
Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito