Contenuto Principale

Pistoiese, si chiude l'epoca Ricci. Ferrari: “Ciclo si è esaurito”

foto d'archivio foto d'archivio

di Matteo Corsini

PISTOIA – Sembra destinata al termine l'avventura del direttore sportivo Nelso Ricci alla Pistoiese.

 

“Il suo contratto scade a fine giugno – spiega il presidente arancione Orazio Ferrari, intervenuto quest'oggi al Melani per fare un bilancio della stagione appena trascorsa e dare un occhio al futuro – la questione è che il suo ciclo si è esaurito. C'è sicuramente un po' di rammarico, ma dal punto di vista societario Ricci ha portato ottimi risultati. Ogni direttore sportivo capace deve rispettare gli input del presidente e lui lo ha fatto, oltre a sistemare, nel corso degli anni, situazioni di giocatori che qui non avevano fatto bene”.

Sebbene la parola fine al regno di Ricci non sia stata ancora pronunciata ufficialmente – Orazio Ferrari ha parlato di un lasso di tempo che le parti si sono concesse per valutare il da farsi – sembra sia solo questione di formalità. Strettamente legata al direttore sportivo è la querele allenatore: “La situazione contrattuale in chiusura con Ricci condiziona la conferma del mister – sottolinea Ferrari – perché ogni diesse ha il proprio allenatore di riferimento”.

Una verità sacrosanta: la scelta del tecnico che guiderà la Pistoiese nella prossima stagione dipenderà, per buona parte, da colui che si siederà sulla poltrona di via delle Olimpiadi. Che il nuovo direttore sportivo si chiami Corrado Colombo? “Colombo, già in questa stagione, ha già iniziato un'attività parallela a quella di calciatore – dice Ferrari – si tratterà solo di parlare e di vedere quali scenari si possono aprire”.

Un futuro, dunque, che ancora è avvolto nella nebbia; una foschia che avvolge anche la situazione legata agli impianti sportivi: “E' giunto il momento di mettere a fuoco il problema impianti sportivi – spiega Ferrari – e ho voglia di credere che da qui a settembre la situazione di Pistoia Ovest sia risolto”. La speranza, infatti, è che la Pistoiese, nella prossima stagione, possa avere un campo di allenamento fisso per il settore giovanile: “Avendo questa aspettativa abbiamo preso una figura importante come Andrea Innocenti”.

Il numero della Pistoiese ha parlato però anche della stagione appena andata in archivio; come la maggior parte dei tifosi e degli addetti ai lavori, anche Ferrari si è detto deluso per non aver raggiunto il traguardo del decimo posto: “Non è stato il campionato che ci aspettavamo – riconosce amareggiato – ma non è stato nemmeno un campionato tremendo, dato che siamo arrivati a metà classifica. Non nascondo che anche io sono rimasto deluso per non essere entrato nei playoff ma allo stesso tempo sono comunque soddisfatto per aver trovato una salvezza con diverse alcune giornate d'anticipo”.

Il presidente Ferrari chiude il suo intervento incentivando forze imprenditoriali fresche a farsi avanti: “Vorrei migliorarmi, disputando campionati ambiziosi – spiega – ma le difficoltà nel calcio sono immani. Tutto quello che posso fare lo faccio – conclude – se poi c'è qualcuno che è facoltoso e può permetterci di farci vincere subito il campionato, si faccia avanti. Saremo felici se ci dovesse essere un rafforzamento societario, che ci permetterebbe margini economici più alti”.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna