SPETTACOLI

Domenica, 10 Febbraio 2019 16:42

Sul palco del Santomato Live, "Guitar Hero" Tolo Marton

Tolo Marton Tolo Marton

PISTOIA - Ancora un grande musicista di assoluto livello internazionale al Santomato Live club, ancora un grande chitarrista: Tolo Marton in trio, che per la prima volta sale sul palco del circolo di Santomato.

L’appuntamento è per giovedì 14 febbraio alle 21.30.

Con lui, Rita Girelli al basso e Fabio Sorti alla batteria. Special guest Andrea Ranfa.

Tolo Marton porta avanti una lunghissima carriera nell'ambito della musica di ispirazione anglo-americana.

“Non posso fare a meno di pensare che se c’è un chitarrista in Italia che meriti l’appellativo di Guitar Hero – scrisse il critico americano Tom Branson -, questo chitarrista si chiama Tolo Marton”.

Ancor più esplicito fu Roger Glover, bassista dei Deep Purple: “Tolo per l’Italia è un patrimonio nazionale”.

Per la sua composizione “Alpine Valley” (nel video sotto) e l’interpretazione di “Red house”, Marton è stato premiato nel ’98 in America dal padre di Jimi Hendrix, il più grande genio della chitarra elettrica mai esistito.

Il chitarrista trevigiano ha suonato anche con Jack Bruce e Ginger Baker, due dei tre leggendari componenti dei Cream.

Nel marzo 2002 inizia la collaborazione con il batterista dei Deep Purple Ian Paice ed il tastierista, sempre dei Deep Purple, Don Airey.

La sua particolarissima versione di “All along the watchtower” è stata scelta per essere inclusa in una compilation di artisti internazionali curata dalla BMG di brani di Bob Dylan, uscita nel 2003.

Nel 2009 esce il doppio cd “Reprints”, ovvero le ristampe dei primi 3 vinili di Tolo Nell’autunno 2010 Marton si ricongiunge per attività concertistica con Aldo Tagliapietra e Tony Pagliuca (ex componenti storici delle Orme, con cui aveva inciso l’album “Smogmagica” a Los Angeles nel ‘75), per una breve reunion che li vede suonare al ProgExhibition a Roma.

Nel 2012 Tolo inizia una collaborazione anche con Roger Glover, il grande bassista dei Deep Purple, con il quale suona in concerto in teatro a Mestre, ottenendo un grandissimo successo.

Nella primavera del 2015 Tolo torna a Austin (Texas) per un nuovo tour. Durante la sua permanenza viene invitato a suonare e registrare con Bobby Whitlock, il tastierista e compositore dei leggendari Derek and the Dominos, di cui facevano parte Eric Clapton e Duan Almann.

Il genere musicale di Marton si potrebbe definire Classic Rock, quella musica che verso la fine degli anni 60 rivoluzionò la scena delle sette note, e che continua ad essere apprezzata e suonata anche dalle nuove generazioni di musicisti. Ma il repertorio si basa su brani originali, dove si rincorrono linguaggi rock, blues, country, psichedelia, melodia e silenzi.

Ma Tolo, da sempre è fedele alla linea. Una linea dettata dal suo grande talento, dalla sua ispirazione e dalla sua passione per la musica. Fedele alle sue origini di musicista rigoroso, coerente, mai appagato e da sempre estraneo alla logica del music bussiness. Tolo non ha mai amato ripetersi: ogni volta per lui è una sfida, una continua e affascinante ricerca. Mai un concerto uguale all’altro, come se fosse sempre la prima volta.

L’apertura della serata è affidata a Jack & The Delivery Men: Iacopo Ikkarka voce armonica, Alessandro Fattorini chitarra voce, Eleonora Comemipare Cajón.

Per info e prenotazioni cena e tavoli, tel. 391 1006404 o 333 4657051 o 0573 479957

questo articolo è stato offerto da:


 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.