PRATO

Giovedì, 21 Marzo 2019 14:07

Prato, la Procura apre un fascicolo per apologia di fascismo

Dopo le scritte inneggianti al Duce apparse sui muri delle sedi di Anpi e Pd

PRATO - La Procura di Prato ha aperto un fascicolo contro ignoti per apologia di fascismo.

L'indagine è stata avviata stamani dagli uomini della Digos della Questura e riguarda proprio le scritte inneggianti al Duce e la svastica, apparse sui muri delle sedi dell'Anpi di Prato e del Pd di Prato. 

Sabato 23 marzo è prevista la manifestazione nazionale di Forza Nuova per i 100 anni dal fascismo.

Ieri la Prefettura a la Questura hanno dato il via libera alla manifestazione. “Agli atti c’è una manifestazione contro l’immigrazione. Un numero 100 sul volantino che pubblicizza l’evento di Forza Nuova? Noi non ci occupiamo di pubblicità”, ha affermato il prefetto Rosalba Scialla, che ha voluto sottolineare che “in questo Paese c’è libertà di pensiero e di manifestazione”.

L'Anpi nazionale e regionale, con un comunicato stampa, si dice indignata per l'autorizzazione alla manifestazione data dal Prefetto.

"Si ignorano consapevolmente la XII^ disposizione finale della Costituzione che vieta la ricostituzione sotto qualsiasi forma del partito fascista, e le leggi Mancino e Scelba che sanzionano ogni forma di fascismo e di razzismo. Si ignora consapevolmente che Forza Nuova intende celebrare il centesimo anniversario della nascita dei fasci di combattimento, cioè del fascismo. Si ignora consapevolmente la pressante richiesta di proibire la manifestazione suddetta da parte di un larghissimo fronte unitario, democratico e istituzionale e dalla Diocesi" scrive l'Anpi.

La segreteria nazionale Anpi e il Coordinamento Regionale Anpi della Toscana invitano tutti gli iscritti e i militanti della Regione e tutte le forze democratiche a partecipare in massa alla manifestazione antifascista, pacifica, popolare e antirazzista del 23 marzo alle ore 14,30 in piazza delle Carceri a Prato. Il sindaco Matteo Biffoni ha ribadito la propria contrarietà alla manifestazione organizzata da Forza Nuova nel centenario dei fasci di combattimento anche ieri mattina al Comitato per l'ordine e la sicurezza convocato in prefettura.

In quella sede il Prefetto e il Questore non hanno invece ravvisato alcun motivo per vietare la manifestazione indetta per sabato prossimo, chiedendo al Comune di Prato di mettere in atto i provvedimenti necessari per la chiusura delle strade e la rimozione delle auto. Ripercussioni ci saranno anche sulla viabilità: "La Polizia Municipale e i nostri uffici stanno già lavorando secondo le richieste della questura per porre divieti di sosta e chiudere le strade del percorso della manifestazione di Forza Nuova che si snoderà tra la stazione centrale e piazza del Mercato Nuovo - conclude il sindaco -. Ogni comunicazione in merito sarà diffusa alla città non appena verranno definiti i dettagli".

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.