PRATO

Martedì, 19 Marzo 2019 11:00

"Arriviamo": imbrattata la sede dell'Anpi di Prato

nella foto la sede Anpi di Prato nella foto la sede Anpi di Prato

Sabato la manifestazione di Forza Nuova

PRATO - "Arriviamo" e poi una svastica e la scritta Dux  (è il termine latino che sta per condottiero o comandante militare).

E' quanto è stato scritto con vernice nera nella notte sul muro della sede dell'Anpi di Prato, in piazza San Marco. A pochi giorni dalla manifestazione nazionale di Forza Nuova prevista per sabato 23 marzo. Imbrattata nella notte anche la sede del Pd di Prato.

"Non ci stancheremo mai di parlare di pace di democrazia di valori, non ci stancheremo mai di denunciare che i fascismi sono l'esatto contrario di tutto questo. Non ci intimidiscono le azioni dei vigliacchi, di chi sa usare solo violenza e volgarità perché non ha altri argomenti. FERMIAMO LA MANIFESTAZIONE FASCISTA A PRATO Chiediamo al questore al prefetto alle istituzioni tutte di decidere presto, chiediamo che il coro democratico che si è alzato in città non resti inascoltato" scrive su Facebook Angela Riviello, presidente della sezione Anpi di Prato

 

Bosi, il Prefetto impedisca una manifestazione indegna

“Qualcuno pensa in questo modo di intimidire il Partito democratico e l’Anpi di Prato, insieme alle numerose associazioni, movimenti e partiti politici che si stanno opponendo con forza all’organizzazione della manifestazione di Forza nuova annunciata in città per “celebrare” i cento anni di fascismo. Sappiano che a Prato, città medaglia d’argento al valor militare nella guerra di Liberazione, nessuno si farà intimidire”. Queste le parole del segretario provinciale del Partito democratico Gabriele Bosi, in seguito agli atti vandalici ai danni della sede Anpi e della sede Pd di Prato.

 

Sinistra Italiana, vergognosa provocazione

Dura la reazione di Andrea Martinelli, segretario Sinistra Italiana Prato: "Una vergognosa provocazione contro la sede dell'Anpi di Prato e contro la sede del Pd di Prato Questa notte sono state imbrattate le sedi dell'Anpi e del Pd di Prato con scritte vergognose e fasciste. A loro va la nostra solidarietà e vicinanza. Rammentiamo che questi atti avvengono all'indomani dell'annullamento da parte del Prefetto del comitato per l'ordine e sicurezza che doveva discutere della giornata del 23 marzo. Evidenziamo, ancora una volta, una totale sottovalutazione della questione da parte delle autorità (Prefetto e Questore): a pochi giorni dal 23 non è ancora chiaro se e come verrà garantito l'ordine pubblico e il regolare svolgimento delle manifestazioni organizzate da Comune di Prato. Nulla viene detto su come verrà gestito il punto di arrivo del corteo fascista che sarà davanti al tempio buddista. Infine vorremmo capire come verrà gestito l'arrivo via treno delle persone che vorranno partecipare alla contromanifestazione antifascista, visto che il punto di partenza dei fascisti sarà alla stazione di Prato. È previsto un piano di sicurezza sui treni onde impedire l'eventuale contatto tra manifestanti? Noi il 23 marzo saremo in piazza insieme all'Anpi, invitiamo tutti gli antifascisti a partecipare alla contromanifestazione". 

 

PD Pistoia, non sia autorizzato quel corteo

"La manifestazione nazionale di Forza Nuova, organizzata per celebrare i cento anni dalla nascita del fascismo - scrive il Partito Democratico provinciale di Pistoia -  rappresenta una vergognosa provocazione alla città di Prato, medaglia d’argento al valore militare, e a tutti i cittadini toscani. Il corteo è contro la legge e in contrapposizione ai principi della Costituzione, nata dalla Resistenza e ispirata alla libertà e alla democrazia. 

È notizia di questa mattina, inoltre, le minacce e gli insulti apparsi di fronte alle sedi di Prato dell’Anpi e del PD: il segno di un clima violento, che ci riporta agli anni più bui della nostra storia. La federazione provinciale del Partito Democratico di Pistoia esprime piena solidarietà nei confronti della presidente dell’associazione, Angela Riviello, e del Segretario provinciale PD, Gabriele Bosi. Siamo certi che non si faranno intimidire e, insieme, andremo avanti per difendere i valori in cui fermamente crediamo.

Oltre 12.000 persone hanno già firmato per chiedere che il corteo di Forza Nuova non venga autorizzato, perché è illegale e pericoloso. Noi uniamo la nostra voce e ribadiamo la più netta condanna al fasciamo per continuare a costruire una comunità accogliente e aperta al dialogo".

 

La Cgil, solidarietà ad Anci e Pd

La Cgil esprime solidarietà all'Anpi e al Partito Democratico per le gravi aggressioni subite da parte dei fascisti che hanno imbrattato le sedi con svastiche e scritte intimidatorie.

"Non è possibile non collegare questa azione al clima provocatorio che si è creato a Prato in questi giorni per la prevista manifestazione di Forza Nuova, volta a celebrare l'anniversario della fondazione dei fasci di Combattimento. Rinnoviamo i contenuti dell'appello inoltrato al Prefetto e al Questore per non consentire lo svolgimento della manifestazione e ribadiamo la ferma volontà di mobilitarci all'insegna dell'antifascismo, dell'antirazzismo e della difesa dei valori costituzionali".

(nella foto sotto, la porta della sede del Pd di Prato)

 

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.