PRATO

Giovedì, 07 Febbraio 2019 14:13

Filiera del falso: sequestrati 2mila capi contraffatti

L'indagine della gdf di Prato partita da un controllo di un forgone

PRATO - Nel quadro della costante attività di prevenzione del fenomeno della contraffazione e di repressione della “filiera del falso”, le fiamme gialle del Nucleo Mobile del Gruppo della Guardia di Finanza di Prato nel corso di un servizio di prevenzione dei traffici illeciti hanno individuato un vero e proprio centro di produzione e stoccaggio di merce contraffatta.

Il sequestro ha avuto origine dal controllo di un furgone condotto da un cittadino cinese, all’interno del quale sono stati rinvenuti numerosi capi recanti delle griffe riconducibili a noti marchi d’alta moda; il conducente nel corso del controllo non è stato in grado di esibire documentazione fiscale, attestante la legittimità di tale trasporto.

Le investigazioni hanno consentito, percorrendo a ritroso l’intera filiera del falso, di arrivare al centro di produzione e smistamento di capi di abbigliamento delle più note griffe di alta moda, concludendosi con il sequestro di 2072 manufatti contraffatti, 50 metri di nastro modello Gucci, 4 rotoli di tessuto riproducenti l’effige riconducibile alla maison Versace, per un totale di 320 metri, nonché macchinari e pc utilizzati per la relativa lavorazione.

Il titolare della ditta è stato denunciato alla Procura della Repubblica del Tribunale di Prato che coordina l’indagine.

Il controllo si inserisce nell’ambito del “Dispositivo operativo a contrasto della contraffazione e all’abusivismo commerciale organizzato”, predisposto dal Comando Provinciale, che si propone di monitorare e contrastare sistematicamente i fenomeni della contraffazione e del commercio abusivo di prodotti irregolari e/o insicuri.

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.