PRATO

Martedì, 15 Gennaio 2019 14:29

A Palazzo Pretorio dibattito dei Lions su Federico II

Incontri promossi da Lions Club Prato-Datini 

PRATO – Docenti universitari, storici dell’arte e dello spettacolo, studiosi per un ciclo di conferenze che prende il via sabato 19 gennaio e che fino ad aprile accende un fascio di luce su Prato città medievale e i suoi stretti legami con la Puglia attraverso la figura centrale dell’imperatore Federico II di Hohenstaufen e dei suoi castelli, in particolare quelli di Prato e di Castel del Monte. Federico II tra Prato e il suo tempo. Attualità e prospettive è una rassegna di incontri promossa da Lions Club Prato-Datini in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Prato, che è stata presentata questa mattina da Simone Mangani, assessore alla cultura di Prato, e Maria Rosaria Di Troia, presidente del Lions Club Prato-Datini. Il cartellone di appuntamenti propone un viaggio simbolico fra Prato e la Puglia attraverso il punto di vista delle prospettive più significative (della storia, della politica, della spettacolarità, dell’arte e dell’architettura) affidate a studiosi di chiara fama, in una ricostruzione multidisciplinare ma allo stesso tempo complementare del ‘tempo’ di Federico II. Nel primo incontro, sabato 19 gennaio alle 15.30, saranno presentati i tratti biografici di Federico II e i nodi storiografici contemporanei con la relazione di Victor Rivera Magos (Université de Caen, Normandie) per passare a Franco Cardini che illustrerà il panorama culturale, storico e politico nell’area Euro-mediterranea del XIII secolo.

Il ciclo di conferenze proseguirà tratteggiando l’immaginario prodotto dalle feste e dagli spettacoli e dal gotico a Prato, un incontro dedicato alla città e alla sperimentazione artistica attuata dalle maestranze federiciane; ma si parlerà anche del tema della crociata di Federico II e sulle scelte politiche e programmatiche del sovrano in fatto di arte e si affronterà il mondo islamico, grande attore nello scacchiere Euro-mediterraneo, con due relazioni sulle sue caratteristiche culturali e sui rapporti del sovrano con i mussulmani del regno di Sicilia. Gli appuntamenti si susseguiranno affrontando anche una riflessione sul patrimonio culturale con Giuliano Volpe che sarà affiancata da due associazioni tra le più rappresentative del panorama rievocativo pratese e pugliese. Si approderà infine all’uso che si è fatto dell’immagine del sovrano svevo, i luoghi comuni e le distorsioni prospettiche, con un occhio in particolare a Castel del Monte e ai tanti collegamenti stilistici con quello di Prato. Il delle conferenze prende vita proprio da un interesse specifico sulle connessioni fra Prato e la Puglia attraverso Federico II e questi due castelli che hanno stretti legami e analogie nella progettazione e nella struttura.

L’opera di Riccardo da Lentini, artefice di Prato e Castel del Monte, a capo di maestranze fatte giungere appositamente dalla Puglia e coadiuvato dalla consulenza progettuale di Leonardo Pisano detto il Fibonacci, restituisce la comune geometrica progettazione, a otto torri per la fortezza di Prato e la pianta ottagonale di Castel del Monte, i numerosi tratti allegorici ricorrenti, realizzati con materiali autoctoni e la comune identità nei due portali di accesso, con la medesime proporzioni e la simbologia dei leoni scolpiti ai lati delle porte, emblema dell'iconografia rappresentativa della casa imperiale. La rassegna è organizzata con la collaborazione anche del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS) dell’Università degli Studi di Firenze, l’Associazione Centro Studi Normanno-Svevi dell’Università degli Studi di Bari, l’Associazione storico-culturale “Imperiales Friderici II” di Foggia e l’Associazione storico-culturale “Terra di Prato”.

IL PROGRAMMA COMPLETO DEGLI APPUNTAMENTI - Tutti gli incontri, a ingresso libero, sono moderati dalla presidente Lions Club Prato-Datini Maria Rosaria Di Troia Sabato 19 gennaio, ore 15.30 Il Medioevo del XIII secolo nel Mediterraneo, Franco Cardini Federico II, Imperatore e Re di Sicilia. Tratti per una biografia, Victor Rivera Magos Sabato 2 febbraio, ore 15.30 Spettacolo e feste in età medievale, Siro Ferrone Il cantiere dell’Imperatore. Ovvero: come Prato leggeva il gotico europeo, Fulvio Cervini Sabato 2 marzo, ore 15.30 Federico II e la crociata, Antonio Musarra Immagine e Potere di un Imperatore, Maurizio Treggiani Sabato 16 marzo, ore 15.30 L’Italia e l’islam nel XIII secolo, Alessandro Vanoli Lucera musulmana e cristiana, Amedeo Feniello Sabato 30 marzo, ore 15.30 Il bene nostro. Un impegno per il patrimonio culturale, Giuliano Volpe La ricostruzione storica come strumento di strorytelling, Imperiales Friderici II e Terra di Prato Sabato 13 aprile, ore 15.30 Lo strano caso di Federico II di Svevia, Marco Brando Castel del Monte: la storia e il mito, Massimiliano Ambruoso

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.