PRATO

Giovedì, 10 Gennaio 2019 09:44

Bugetti (Pd): “Tutto il tessile un unico distretto energivoro”

Ilaria Bugetti Ilaria Bugetti

Mozione della consigliera regionale per le agevolazioni alle imprese

PRATO - “La parola d’ordine è competitività. Per rendere le nostre imprese più competitive e arginare il fenomeno della delocalizzazione è necessario inserire tutte le imprese attive nel finissaggio dei tessili, degli articoli da vestiario e attività simili, fra quelle ammesse alle agevolazioni di cui godono le imprese energivore, ovvero a forte consumo di energia”.

E’ quanto chiede la consigliera del Pd in Regione Ilaria Bugetti, che ha depositato una mozione in cui chiede alla Giunta di impegnarsi in questo senso presso il Governo e in particolare il ministero dello Sviluppo economico.

“Tutte le lavorazioni del tessile – ha continuato Bugetti – sono assimilabili e possono dunque essere considerate un unico distretto energivoro. Attualmente invece c’è una segmentazione per cui, ad esempio, la preparazione della filatura, la fabbricazione di tessuti, esclusi gli articoli di abbigliamento, possono essere ammessi alle agevolazioni”.

La riduzione del costo del costo dell’energia, unitamente al sostegno all’innovazione rappresenta un aspetto fondamentale, specie in Toscana dove è forte la presenza del Made in Italy. Secondo la Camera di commercio di Prato, nel solo distretto tessile pratese nel settore della moda, oltre alle 936 unità locali, operano 2616 imprese (1433 artigiane) di cui 507 attive nel finissaggio dei tessuti.

“Il rilancio dei settori industriali – ha concluso la consigliera – passa sia attraverso l’innovazione tecnologica che una sempre maggiore sostenibilità ambientale, nel caso delle imprese energivore il beneficio sarà calcolato utilizzando parametri di consumo basati su standard di efficienza energetica”.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.