PRATO

Mercoledì, 05 Dicembre 2018 15:18

Prato, due clandestini tra i dipendenti di una ditta cinese

I due sono stati espulsi e il titolare denunciato

PRATO – Lavoravano a Prato senza permesso di soggiorno. Due cittadini cinesi sono stati ieri identificati durante un controllo in una ditta e denunciati in stato di libertà per il reato di ingresso e soggiorno illegale in Italia, e quindi raggiunti dal provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Ieri pomeriggio, infatti, la squadra interforze – composta per l'occasione da personale della polizia amministrativa della divisione PASI della questura di Prato, dalla Guardia di Finanza, dalla locale polizia municipale, dall'ispettorato territoriale del lavoro, dall'Asl e dall'Alia – ha effettuato un controllo in una ditta di confezioni nella zona industriale del Macrolotto Uno.

Nella ditta, gestita da un 42enne cinese, sono stati trovati otto dipendenti: un'italiana e sette cinesi. E proprio tra i dipendenti cinesi si trovavano i due clandestini.

Il titolare è stato deferito per il reato di impiego e sfruttamento di manodopera irregolare e costretto a pagare una sanzione di 9mila euro; l'attività è stata sospesa.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.