PRATO
Lunedì, 12 Febbraio 2018 13:51

Prato, all'istituto Fermi il laboratorio di atelier creativo

PRATO - Sarà inaugurato mercoledì 14, alle 11, un nuovo spazio laboratoriale all’interno della scuola secondaria Enrico Fermi in via Gherardi.

Si tratta di “Intrecci FabLab – Atelier Fermi”. Il nome vuole richiamare la tradizione tessile della città e insieme la capacità di creare legami, intessere relazioni, dentro e fuori la scuola, tra antico e moderno, tra saperi teorici e pratici. “In effetti l’idea di atelier creativo” – dichiara il dirigente scolastico Riccardo Fattori – “è quella di uno spazio a metà strada tra aula propriamente detta e laboratorio, ma anche bottega d’arte e persino piazza, proponendosi cioè nel duplice ruolo di risorsa interna per la didattica e servizio aperto al fuori, per associazioni, genitori e quartiere”.

La realizzazione è avvenuta all’interno di un bando Miu-Piano Nazionale Scuola Digitale integrato da risorse interne. Il progetto è promosso in collaborazione con il Comune di Prato in particolare con gli assessorati all’Innovazione tecnologica e agenda digitale e all’ Istruzione Pubblica e Pari Opportunità. Vede il partenariato di vari enti e associazioni del territorio: l’istituto superiore Guglielmo Marconi di Prato, l’istituto Fedi-Fermi di Pistoia; la Cooperativa Keras, l’Associazione Familiar-mente,  l’Associazione Il Pentolone di Prato, l’Istituto paritario Maria Immacolata (San Martino); l’associazione culturale Helios Terrecotte di Vaiano.

All’interno dello spazio si trovano tecnologie intermedie e nuove tecnologie suddivise in tre le aree:lo spazio dell'osservazione e della progettazione, con arredi modulari e una aula aumentata dotata di stazione pc docente e tablet-client per gli allievi; lo spazio del make-improve con banchi da lavoro e attrezzature di falegnameria e ceramica; lo spazio della musica per la registrazione e la produzione digitale dei suoni .

All’inaugurazione, prevista per le ore 11, interverranno gli assessori alla Pubblica istruzione, all'agenda digitale e al Lavori pubblici. Saranno presenti rappresentanti delle associazioni, delle scuole, dei genitori, il personale della scuola e gli studenti dell’istituto.

 “La realizzazione dell’atelier – prosegue il dirigente – ci ha impegnato in un lungo lavoro di progettazione, verifica, confronto e ha attivato le migliori risorse dell’Istituto. La scommessa è dunque quella di orientare la didattica in senso attivo, esperienziale e inclusivo agendo sugli elementi strutturali dell’ambiente in cui si apprende con l’obiettivo di fondare un nuovo stile relazionale centrato sul protagonismo degli studenti, su approccio critico e creativo alla realtà, su più codici comunicativi, in collegamento a saperi antichi e a nuove competenze”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita