PRATO

Giovedì, 11 Gennaio 2018 14:10

Prato: danneggia un circolo Arci e delle auto in sosta

PRATO -  Ieri sera, alle ore 19 circa, due Volanti sono intervenute in via Pistoiese, all’altezza del Circolo Arci “Renzo Grassi”, per la segnalazione di una persona che dopo aver in dato in escandescenza e danneggiato suppellettili ed accessori all’interno del circolo, era uscito sulla in strada danneggiando alcune auto parcheggiate.

Una cliente del circolo forniva descrizioni e nominativo dell’uomo, da lei conosciuto quale in passato frequentatore saltuario del circolo, il quale si era allontanato prima dell’arrivo della Volante, lasciando i danni alle vetture in sosta. Il comportamento dell’uomo veniva riferito quale del tutto inspiegabile, verosimilmente dovuto a problemi psichici.

Da accertamenti di questa Sala Operativa, la persona con le generalità indicate risultava essere sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, zona Galciana, per il reato di “danneggiamento seguito da incendio”. La foto dell’uomo veniva estrapolata dai nostri sistemi informatici e consegnata alle Volanti sul territorio.

Intorno alle 23 giungevano alla Centrale Operativa diverse chiamate che segnalavano alcuni principi d’incendio in zona via Pistoiese, ai danni di pertinenze di strutture commerciali. Attesi i precedenti del soggetto, le Volanti intensificavano la vigilanza in zona, rintracciandolo proprio lungo la via, dove l’uomo declinava le sue regolari generalità. Immediati contatti con personale Vigili del Fuoco facevano apprendere che gli incendi erano tre e tutti di verosimile origine dolosa, appiccati ai tendoni di tre esercizi commerciali della via, ossia il ferramenta “Signori e Vasco”, il bar “Lo Scalino” e il forno “Vettori”.

L’assenza di testimoni e telecamere impedivano di poter attribuire in regime di flagranza all’uomo, pratese di 55 anni, i tre incendi; lo stesso veniva pertanto arrestato per il reato di evasione e denunciato in stato di libertà per il reato di danneggiamento.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.