Contenuto Principale

Tessile rigenerato, c'è il marchio internazionale

Paolo Foglia e Andrea Cavicchi Paolo Foglia e Andrea Cavicchi

PRATO - La vera sfida della moda sostenibile, oltre all'eliminazione delle sostanze pericolose dal processo tessile, è riuscire a proporre filiere produttive in grado di realizzare prodotti con materiali rigenerati.

Il mercato dell'abbigliamento è sempre più attento ai consumi delle risorse naturali e la consapevolezza del consumatore finale sull’impatto ambientale di processi non responsabili sta aumentando sensibilmente. Per questo siamo in un momento nel quale dobbiamo valorizzare i prodotti tessili rigenerati trasformandoli in una grande opportunità per l’intero sistema produttivo tessile e in particolar modo, data la storia e le potenzialità, per quello pratese.

Questo ha portato Confindustria Toscana Nord a promuove un progetto per la diffusione dello standard di certificazione dei prodotti tessili riciclati diffuso a livello internazionale: il GRS-Global Recycle Standard. Proprietaria del marchio è l’associazione no profit Textile Exchange, che conta fra i suoi membri colossi internazionali e marchi prestigiosi.

“Il marchio GRS non è del tutto sconosciuto a Prato e diverse aziende hanno già certificato i propri prodotti - spiega il presidente della sezione Sistema moda di Confindustria Toscana Nord Andrea Cavicchi -. Come Confindustria Toscana Nord riteniamo che questa certificazione possa essere un’opportunità per tutte le aziende che lavorano nel settore dei prodotti tessili rigenerati. Il nostro progetto consiste nell’informazione e nella promozione della certificazione GRS presso le imprese del distretto; inoltre, come associazione ci impegniamo a supportare i nostri soci nei passaggi necessari per ottenerla.”

Il progetto di promozione di GRS si inserisce nel contesto delle iniziative di Confindustria Toscana Nord per la sostenibilità e prende le mosse dall’incontro svoltosi nel luglio scorso a Prato con ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale), dove il grande interesse mostrato dalle aziende ha incoraggiato l’associazione ad andare avanti.

“Oggi, in collaborazione con l’ente di certificazione ICEA, abbiamo presentato alle aziende le potenzialità dell’utilizzo del marchio GRS, importante standard internazionale per la tracciabilità della filiera produttiva del materiale tessile riciclato. Abbiamo spiegato quello che l’associazione fa per supportare le aziende interessate a ottenere questa certificazione, illustrando i requisiti necessari per ottenerla ed evidenziandone i vantaggi – conclude Cavicchi -. Abbiamo spiegato come sia possibile agevolare il processo di certificazione condividendo l’impegno tra le varie aziende che fanno parte della filiera produttiva.”

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito

Agenda Prato

Lezione di musica elettronica al Pecci

PRATO – Quarto appuntamento - Musica elettronica per Pecci School è in programma…

Reportpistoia su Facebook