MONTEMURLO

Sabato, 23 Febbraio 2019 16:13

Inaugurata l'isola ecologia alla Coop di via Livorno

Nello spazio tutti i cittadini potranno conferire anche oli vegetali esausti

MONTEMURLO – E' stata inaugurata la nuova isola ecologica nel parcheggio della Coop di via Livorno. L'isola ecologica ha anche un punto Olly per la raccolta degli oli vegetali esausti di origine domestica e uno spazio dove conferire i Raee, i piccoli elettrodomestici non più funzionanti e le apparecchiature elettroniche (computer, cellulari, stampanti ecc…).

«Questa nuovo punto di raccolta è un tassello importante del servizio di igiene ambientale sul territorio per rendere Montemurlo sempre più pulita, decorosa ed eco-sostenibile. Un servizio vicino ai cittadini che, come amministrazione, abbiamo voluto con forza.- spiega il vice sindaco del Comune di Montemurlo e assessore all'ambiente, Simone Calamai – È grazie anche a luoghi come questo se a Montemurlo la raccolta differenziata ha toccato quasi l'80%, un risultato che rende merito all'impegno dei montemurlesi e che quest'anno ci ha permesso di abbassare la Tari del 4% per le famiglie».

La nuova isola ecologica, inaugurata stamani dopo un'attenta ristrutturazione, ogni anno produce risultati d'eccellenza, come spiega Luca Silvestri , il direttore dell'area pratese di Alia spa: «Punti come questo ci consentono di migliorare la qualità e la quantità della raccolta differenziata: qui ogni anno vengono conferite in media 15 tonnellate di oli vegetali esausti e 7 tonnellate di rifiuti Raee, che denotano l'attenzione e la sensibilità degli utenti verso l'ambiente»

Il funzionamento di Olly, la casina per la raccolta degli oli esausti, è molto semplice: il cittadino non deve far altro che raccogliere l'olio all'interno del bidoncino giallo da 3 litri e , una volta pieno, portarlo al punto di conferimento, dove si potrà riprendere un contenitore vuoto pulito e sanificato. Non disperdere gli oli nell'ambiente è molto importante perché un solo litro d'olio è sufficiente per rendere non potabili 1 milioni di litri d'acqua. Con il recupero degli oli esausti, invece, si può alimentare proficuamente la filiera del biodiesel, della cogenerazione, della produzione di saponi e di lubrificanti.

L'inaugurazione dei due punti di raccolta rientra nell'impegno della cooperativa per l'ambiente: «Questi due punti di raccolta sono un piccolo ma importante tassello del nostro impegno a favore dell'ambiente.- spiega Giovanni Petrelli, responsabile energia e risorse ambientali di Unicoop Firenze- Trovare un punto di raccolta vicino sul territorio può rappresentare per molti l'occasione per mettere in atto comportamenti responsabili verso l'ambiente». In tutta la Toscana sono 22 le strutture commerciali Coop dove esistono punti di raccolta ed ogni anno la raccolta complessiva di oli esausti è pari a 22 tonnellate.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.