MONTEMURLO

Lunedì, 29 Ottobre 2018 16:45

A Carmignano suona il jazz di John Coltrane: tre incontri

Per la rassegna "Ognissanti suona il jazz"

CARMIGNANO - Si respira aria di jazz sul Montalbano. E' tutto pronto per "Ognissanti suona il Jazz", la rassegna per ricordare un jazzista che ha segnato il novecento con la sua musica: John Coltrane, uno dei più grandi sassofonisti della storia del jazz.

Gli assessorati alla Cultura dei Comuni di Carmignano e Poggio a Caiano, in collaborazione con l'associazione culturale "Il Circolo delle Quinte", per rendere omaggio al grande jazzista hanno infatti dato vita a "Il Coltrane ritrovato", un vero e proprio festival che punta a diventare un appuntamento fisso e ambito. In programma due concerti, uno alla Villa Medicea di Artimino e l'altro alle Scuderie medicee di Poggio a Caiano, e un incontro storico culturale con un noto musicologo italiano allo Spazio d'Arte Alberto Moretti di Carmignano.

Filo conduttore della manifestazione, a ingresso gratuito, saranno le incisioni di John Coltrane del 1963, che nessuno aveva mai ascoltato, e che sono state riscoperte e rintracciate solo pochi mesi fa dagli eredi del musicista.

"La musica è la più cosmopolita tra le arti, grazie alla sua forza e al suo linguaggio universale riesce ad arrivare a tutti, indistintamente, senza intermediari, basta ascoltare con animo aperto - ha commentato l'assessore alla Cultura del Comune di Carmignano Stella Spinelli -. Ed è con questo obiettivo che, grazie alla collaborazione con il Comune di Poggio a Caiano e alla disponibilità della Villa di Artimino, ma soprattutto grazie alla passione del consigliere comunale di maggioranza Vincenzo Soricillo e del musicista Gianni Rosati, abbiamo dato vita ad una manifestazione unica nel suo genere e dal grande valore culturale, alla quale invitiamo tutti a partecipare. Tre serate l’una diversa dall’altra, tre differenti location, ospiti nazionali ed internazionali per tre appuntamenti da non perdere”.

“La rassegna è stata pensata fin dall’inizio per valorizzare il jazz come musica del dialogo e questa prima edizione, organizzata insieme al Circolo delle Quinte, sarà dedicata al grande John Coltrane e alle reinterpretazioni nate dall’estro di jazzisti sia italiani che internazionali. Insomma, tre appuntamenti davvero imperdibili per gli appassionati del jazz”, ha dichiarato l’assessore alla Cultura del Comune di Poggio a Caiano Giacomo Mari.

Il primo appuntamento è per mercoledì 31 ottobre alle 21.30 alle Scuderie Medicee a Poggio a Caiano con "Nico Gori trio in concerto". Sul palco saliranno tre grandi jazzisti toscani: Nico Gori al clarinetto e sax, Franco Santarnecchi alle tastiere e Piero Borri alle batterie, che partendo da "The Lost Album", l'album perduto e ritrovato solo nel 2018, presenteranno un originale percorso sonoro.

Sabato 3 novembre l'appuntamento è alle 17.30 allo Spazio d'Arte Alberto Moretti a Carmignano, che torna a funzionare dopo una lunga pausa e che oggi si presenta in tutta la sua fresca contemporaneità. In programma "Tra il Mediterraneo e l'Atlantico. Le migrazioni alle origini del jazz", una conferenza dell'illustre musicologo Stefano Zenni sulla storia e l'evoluzione della musica jazz.

Gran finale di "Ognissanti suona il Jazz" domenica 4 novembre alle 17.30 nel Salone degli Armigeri (piano terra) della Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino con una delle migliori orchestre dell'area metropolitana, la Rainbow Jazz Orchestra. Grazie agli arrangiamenti di Duccio Bertini, l’orchestra produrrà per l'occasione un repertorio ad hoc sul "Coltrane ritrovato", inserendo un ospite d'eccezione: Jesse Davis, noto artista di livello internazionale. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti, è consigliato prenotare tramite la pagina Facebook Ognissanti suona il jazz.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.