PRATO PROVINCIA
Mercoledì, 04 Luglio 2018 13:36

Come non mai: tantissime persone alla Fiera di Comeana

Sei giorni di festa, dal 28 giugno al 3 luglio

CARMIGNANO – Grande successo per la Fiera di Comeana. Sei giorni di festa - dal 28 giugno al 3 luglio -, moltissime iniziative per tutti i gusti e tutte le età, bancarelle enogastronomiche e dell'artigianato, tanta solidarietà e una location d'eccezione, l'uliveta dietro il Tumulo di Montefortini.

Difficile dare i numeri delle presenze, ma sicuramente diverse centinaia ogni sera, superando le passate edizioni. Tre le novità di quest'anno della Fiera, che sicuramente sono state un valore aggiunto per la Festa che, come da tradizione, si svolge nella settimana che comprende il primo martedì del mese di luglio. La prima è stata la location: non più piazza degli Scalpellini, dove si è comunque svolta l'anteprima della Fiera, ma l’area circostante il Tumulo etrusco di Montefortini.

La seconda la nascita dell'Associazione di promozione sociale "Comeana in Festa". La terza il ritorno del Torneo dei Rioni, che non veniva più disputato dalla fine degli anni ottanta, tornato nuovamente in auge per volontà dell'Associazione, che ha riscosso un enorme successo. Ad aggiudicarselo è stato il Rione Celeste/centro. "Una grande festa che racchiude il proprio segreto nella gioia di incontrarsi e di stare insieme – commenta l’assessore alla Cultura Stella Spinelli -. Con i meravigliosi fuochi d’artificio sparati sopra l’incantevole oliveta di Montefortini, culla della nuova Fiera di Comeana, si è chiuso ieri un lungo percorso di mesi di lavoro, riunioni, decisioni, errori e scelte azzeccate.

Una strada lunga fatta insieme a un gruppo, l'Associazione Comeana in Festa, che ho visto partire zoppicando e arrivare correndo a un traguardo ricco di soddisfazioni. E' stato bello camminare insieme. Adesso inizia il lungo viaggio verso il secondo anno, che non potrà che essere ancora più ricco ed entusiasmante". Musica, sport, cultura, teatro e tante risate hanno attirato grandi e piccini. Il tutto è stato poi impreziosito dagli stand gastronomici e dalle bancarelle dell’artigianato locale.

Una formula sicuramente vincente che ha attirato persone non solo da Comeana, ma anche da fuori Comune, che si sono riunite per vivere la festa che, più di ogni altra, rappresenta la “movida in salsa comeanese”. Un bilancio, dunque, davvero positivo per gli organizzatori, come racconta Monica Palloni, vice presidente dell’Associazione Comeana in Festa: “Per noi è il primo anno di esperienza, è stata una sfida difficile e faticosa ma l’abbiamo vinta grazie anche alle associazioni del territorio che hanno collaborato con noi e senza le quali questo non sarebbe stato possibile. E naturalmente grazie al supporto e al sostegno del Comune di Carmignano. Essendo il primo anno lo possiamo considerare un anno di prova, sicuramente tutto è migliorabile ed è per questo che invitiamo tutte le persone del paese che hanno voglia di fare volontariato e portare idee nuove a fare parte della nostra associazione”.

La Fiera di Comeana è anche solidarietà: sono, infatti, stati donati 800 euro all’Associazione Soccorso Clown. Si tratta dell’incasso della Festa Cubana, raddoppiato rispetto alla scorsa edizione, iniziativa che ogni anno consegna poi quanto raccolto a un’associazione di volontariato. Tra gli stand presenti quello dell’associazione Libera. Nomi e numeri contro le mafie; il Circolo Arci Rinascita; Frammenti di Memoria; Avis di Carmignano e Avis Podistica, che hanno organizzato, tra le altre cose, la corsa dei piccoli rionali, una corsa non competitiva che ha visto la partecipazione di tantissimi bambini.

Presenti inoltre gli stand dell’Associazione Amici di Ambra, dell’Assistenza Medicea e della Caritas Parrocchiale. C’era poi la Pro Loco di Carmignano con la mostra mercato dell’arte e dell’ingegno al femminile Io Creo e il corso di pittura di Attivamente. Il Rione Verde del San Michele di Carmignano ha invece cucito le bandiere dei rioni. Importante anche il supporto della SSC Virtus, che ha messo a disposizione le proprie strutture per le partite del torneo.

Durante la festa, che si è chiusa ieri con uno spettacolo pirotecnico che ha davvero lasciato tutti a bocca aperta, sono stati premiati anche i vincitori del concorso di pittura promosso dal Comune di Carmignano, per la direzione artistica di Mario Marasà, “Uno stemma per Comeana”. Dal prossimo anno i loghi dei quattro rioni Centro (Celeste), Poggiosecco (verde), Bottega (rosso) e Chioccioli (bianco) avranno la firma di Alessio Ceccatelli, Romina Ferrari e Marina Tikhvinskaya.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita

Festa PD Santomato