PRATO PROVINCIA
Lunedì, 28 Maggio 2018 14:45

Lo scrittore algerino Amara Lakhous a Carmignano

Presenterà "Le mille e una notte" 

CARMIGNANO – Ultimo appuntamento della quarta edizione della rassegna “Autori di oggi capolavori di ieri. I classici della letteratura riletti da grandi scrittori”. Dopo Simonetta Agnello Hornby, che ha incontrato un numerosissimo pubblico accorso per ascoltare la sua personale rilettura di “Orgoglio e pregiudizio” di Jane Austen, mercoledì 30 maggio alle 21 alla Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino lo scrittore algerino Amara Lakhous presenterà il capolavoro sui generis “Le mille e una notte”. Le letture saranno affidate all’attrice Elisabetta Santini.

Non è tutto, mercoledì, in attesa dell’incontro con lo scrittore, alle 19 è previsto un momento conviviale con il buffet allestito dallo staff della Villa. Una preziosa occasione per trattenersi piacevolmente nelle bellissime sale della Tenuta di Artimino, patrimonio dell’Unesco.

L’incontro con lo scrittore è a ingresso gratuito, l’aperitivo invece costa 15 euro ed è necessario prenotare inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiamando i numeri 055.8751426 e 055.8750250.

Si chiude così, con “Le mille e una notte”, la quarta edizione della rassegna dedicata ai classici della letteratura, curata da Carla Lomi e promossa dai Comuni di Carmignano e Poggio a Caiano, in collaborazione con il Polo museale della Toscana e la Tenuta di Artimino. Un vero e proprio festival letterario che ha preso il via a febbraio nello splendido scenario delle ville medicee La Ferdinanda di Artimino e Ambra di Poggio a Caiano e che anche quest’anno ha riscosso un enorme successo di pubblico. L’iniziativa ha il patrocinio della Regione Toscana, International Association For Art and Phycology, FIDAPA-BPW ITALY sezione di Pistoia; patrocinio morale de I Parchi Letterari e il contributo della Fondazione Banca Alta Toscana.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita