Contenuto Principale

"Rilanciare l'economia, il ruolo delle donne", l'incontro ad Artemide

CARMIGNANO - Si è svolto ieri, sabato 2 dicembre, l’incontro “Rilanciare l'economia, definire nuovi equilibri sociali: il ruolo delle donne" all’interno di “Artemide”.

L’evento dedicato al piccolo artigianato e alla cultura agroalimentare con uno sguardo rivolto al femminile che ha animato via Muzzi con l’esposizione di prodotti creativi delle donne artigiane dell’associazione “Io Creo” di Carmignano.  

All’incontro, che si è svolto intorno alle 16 nei locali de L’Appartamento di via Muzzi (una delle attività commerciali temporanee aperte grazie al progetto Pop Up Lab), sono intervenute l’assessore alle attività produttive del comune di Prato Daniela Toccafondi, l’onorevole Caterina Bini, Elisabetta Norfini per Donne Imprenditrici Cna, la presidente dell’associazione di donne artigiane “Io Creo” Sofia Toninelli, Cristina Pacini presidente di Donne Impresa Confartigianato Toscana e la dottoressa Veronica Scopelliti presidente di Impresa Donna Confesercenti Toscana e Prato.   

Si è parlato delle donne nel mondo del lavoro e delle difficoltà che ancora, purtroppo, incontrano tutti i giorni. Ma anche della forza e dell’intraprendenza che le contraddistingue nell’aprire nuove attività, nel reinventarsi, nell’affrontare la quotidianità. E di nuove prospettive sul territorio che vedono le donne affermarsi sempre di più.  

“Il problema principale è di natura culturale. Anche se dal punto di vista normativo l’obiettivo è stato raggiunto, in tutte le figure apicali c’è ancora una sproporzione enorme. Dobbiamo fare più iniziative come queste, nelle scuole e in molti altri luoghi per fare passi in avanti nel rispetto fra uomini e donne. È importante parlare di questi temi, discuterne insieme, alimentare un discorso virtuoso” ha spiegato nel suo intervento l’On. Caterina Bini.  

La presidente di Donne Impresa Confartigianato Toscana, Cristina Pacini, ha sottolineato come sul piano culturale sia ancora molta la differenziazione fra uomini e donne, anche e soprattutto nella concezione del lavoro: “il nostro ruolo è importante e dobbiamo avere alleati uomini che la pensano come noi, dobbiamo accorciare i tempi ed è importante l’alleanza con il mondo maschile”.

Nonostante la voglia di buttarsi e aprire nuove attività, sono ancora molte le difficoltà per le donne che vogliono fare impresa, ci deve essere un aiuto politico a monte spiega la dottoressa Veronica Scopelliti presidente di Impresa Donna Confesercenti Toscana e Prato. “I numeri dell’imprenditoria femminile sono cresciuti positivamente, secondo i dati della camera di commercio ci sono circa 4000 aziende in più rispetto al 2014”.  

La capacità delle donne di affrontare la crisi dell’imprenditoria e del lavoro è forte ha sottolineato Elisabetta Norfini per Donne Imprenditrici Cna. “In questo momento il problema per l’imprenditoria in Italia è un problema generale non solo di uomini o solo di donne. E le donne, che incontrano più difficoltà, si dimostrano anche più resilienti, riescono a resistere meglio alle problematiche”.  

Un esempio di donne che hanno fatto rete, collaborando, aiutandosi l’un l’altra, creando qualcosa dal niente è quella dell’associazione di donne artigiane “Io Creo” di Carmignano di cui ha portato testimonianza la presidente Sofia Toninelli: “Io Creo è un gruppo misto di artigiane hobbiste, ci sono studentesse, disoccupate, lavoratrici, donne in pensione. Da assessore alle pari opportunità, carica che ricoprivo a Carmignano, conoscevo tutte queste donne che creavano manufatti artigianali ma non avevano un luogo dove esprimersi. Adesso contiamo più di 50 iscritte”.  

“Credo che le donne riusciranno ad arrivare ad occupare ruoli apicali, le prospettive positive e di crescita ci sono. Queste prospettive ci sono a Prato, e una di queste è confrontarsi con le altre culture del territorio. Ci sono imprenditrici donne cinesi che desiderano migliorare la qualità della vita e del lavoro. Ci aspetta, quindi, un lavoro importante per attivare la convergenza culturale e dei modelli di impresa” ha affermato l’assessore alle attività produttive del Comune di Prato Daniela Toccafondi.  

Un ringraziamento speciale allo spazio L’Appartamento di via Muzzi che ha ospitato l’iniziativa, alla Pasticceria Mannori di Prato e Luca Mannori pasticcere cioccolatiere campione del mondo che ha offerto il rinfresco e La Fioreria di piazza Mercatale per le decorazioni floreali.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito