Contenuto Principale

Ricercato per truffa in Cina, arrestato a Prato

IOLO - Su di lui pendeva un mandato di arresto internazionale emesso ad agosto dal Tribunale cinese di Shaoxing per il reato di truffa che secondo il codice penale cinese è punito con l'ergastolo.

L'uomo quarantenne  - a cui carico in Italia risulta una denuncia per guida in stato di ebbrezza del giugno 2016 proprio da parte dei carabinieri di Iolo - residente a Prato e regolare sul territorio nazionale, è accusato di avere, tra giugno e dicembre 2012, nella città di Shaoxing in qualità di legale rapresentante di due note società immobiliari, venduto in leasing ad oltre 100 acquirenti un complesso di edifici per poi rendersi irreperibile e causando alle vittime un danno di oltre 20.000.000 cny (yuan cinese) pari a 2 milioni e 590 mila euro.

L'uomo è stato condotto al carcere di Prato in attesa che lo stato estero mandante avvii le procedure per l’estradizione.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito