Contenuto Principale

Carmignano: vandali in azione ai giardini di via Redi

CARMIGNANO – Non c’è pace per i giardini pubblici di via Redi a Carmignano, presi di mira da qualche tempo da gruppetti di persone che hanno ripetutamente vandalizzato l’area.

L’ultimo episodio risale alla notte scorsa quando qualcuno ha divelto una porta ed ha addirittura acceso due falò proprio all’interno del campino. “Fatti del genere sono inaccettabili – ha dichiarato il Sindaco Edoardo Prestanti –. Non è pensabile che certe persone si possano divertire danneggiando dei beni che sono della comunità intera. Faremo di tutto per risalire ai responsabili e intensificheremo i controlli”.

Non si tratta del primo episodio di vandalismo ai danni del giardino di via Redi: in passato c’è  stato chi ha distrutto le reti del campino, chi ha sradicato le porte dell’area, chi ha portato dentro l’area rifiuti di ogni genere (dalle bottiglie di vetro fino ai divani).

“Gesti inaccettabili e vergognosi che denotano la totale mancanza di amore per le attrezzature che appartengono a tutti – ha proseguito il Sindaco -. Come amministrazione comunale ogni anno spendiamo migliaia di euro per mantenere sicure, pulite e decorose le piazze, le strade e i giardini del nostro comune, e in pochissimo tempo dei balordi mandano letteralmente in fumo tutto. Poco prima delle vacanze estive, per esempio, avevamo eseguito una serie di interventi di manutenzione delle attrezzature ludiche e degli arredi urbani. Adesso l’ennesimo danneggiamento. Sono gesti incivili, chiediamo quindi a tutti i cittadini per prima cosa di contribuire al mantenimento del decoro pubblico, ma anche di essere sentinelle attive sul territorio e di segnalare alle forze dell’ordine quando vedono eventuali abusi. Installeremo a breve delle foto-trappole, denunceremo la situazione ai carabinieri e, non appena i colpevoli saranno rintracciati, avviseremo i loro familiari. Auspico che questo genere di atti i vandalismo non avvengano più, i giardini sono un bene comune della collettività e patrimonio di tutti”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito