PISTOIA

Giovedì, 19 Giugno 2014 17:36

Sportello di sostegno: Provincia, volontariato e Tribunale insieme per i più deboli

PISTOIA - E’ attivo presso il Centro Antidiscriminazione della Provincia, in piazza S. Leone 1, tutti i mercoledì, su appuntamento e a titolo gratuito , lo Sportello per l’ informazione, la consulenza e la promozione dell’istituto dell’Amministrazione di Sostegno. 

Si tratta di un servizio che cerca di mettere in contatto i problemi dei più deboli con la rete del volontariato diffusa e molto attiva nella nostra provincia.

Lo Sportello vuole intercettare i bisogni delle persone più deboli del territorio, delle loro famiglie e di tutti coloro che sono interessati a svolgere un’esperienza di cittadinanza attiva e rientra nelle finalità del Protocollo d’Intesa per la promozione e l’applicazione della legge n.6/2004, sottoscritto dalle Istituzioni del territorio (Provincia, Comuni, Asl 3, Società della Salute della Valdinievole, Tribunale di Pistoia) e dal volontariato locale già nel 2010.

Al fine di garantire un’ efficace e uniforme attuazione sul territorio provinciale dell’AdS e consentire agli amministratori di sostegno di svolgere al meglio il loro incarico, lo sportello informativo si pone l’obiettivo di offrire alla cittadinanza interessata uno spazio di utile per:

-  sensibilizzare sul tema, al fine di contribuire all’aumento del numero dei cittadini disposti ad assumere l’incarico di ADS;

- divulgare notizie relative ai corsi formazione per ADS;

-  informare circa l’accesso all’elenco provinciale contenente i nomi dei soggetti disposti a svolgere le funzioni di ADS;

- informare su contenuti, procedure e problematiche di carattere applicativo della normativa e orientamento rispetto alle risorse presenti sul territorio;

- collaborare nella predisposizione di istanze, da depositare presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione all’attenzione del Giudice Tutelare;

- promuovere il confronto e il dialogo con le Associazioni impegnate nell’affermazione dei diritti dei più deboli.

 

Con questa iniziativa la Provincia, che da dieci anni  gestisce  il Centro Antidiscriminazione, di cui lo  sportello AdS fa parte, continua a sostenere la cultura dell’integrazione, della solidarietà e della sussidiarietà, nell’ottica della difesa dei più deboli.  Tale obiettivo si realizza anche attraverso il miglior coordinamento fra i servizi socio-sanitari, le istituzioni giudiziarie e tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti.

Lo sportello informativo sull’amministrazione di sostegno, infatti, conta sulla stretta collaborazione fra gli Uffici della Provincia e quelli del Giudice Tutelare, nonché sul lavoro di rete che l’Amministrazione provinciale porta avanti, da cinque anni a questa parte, insieme all’Azienda   ASL 3, alla Società della Salute della Valdinievole, ai Comuni della zona di Pistoia e al Volontariato.

“Si tratta di un importante traguardo sociale, che nasce da un lungo percorso di confronto con il territorio, a partire dal Protocollo del 2010, passando per il Tavolo Interistituzionale, i corsi di formazione banditi dal servizio formazione, la costruzione di un elenco provinciale e del suo regolamento, per arrivare, infine, all'avviso pubblico rivolto a tutti gli interessati a iscriversi e svolgere un'esperienza di cittadinanza attiva rilevante come quella dell’amministratore di sostegno – ha sottolineato il Presidente della Provincia, Federica Fratoni  – A tal fine lo sportello rappresenta uno strumento utile di informazione, conoscenza, consulenza, nonché di collaborazione attiva con gli uffici del Giudice Tutelare. E’ un ulteriore passo nella direzione della promozione dei diritti, dell’uguaglianza e del contrasto a ogni forma di discriminazione, che la Provincia ha sempre perseguito, a partire dall’attività del Centro Antidiscriminazione, e attraverso un lavoro di squadra con i soggetti del territorio, istituzioni e associazioni, al fine di contrastare i fenomeni di marginalizzazione sociale, con particolare attenzione ai soggetti più deboli e fragili, e dar vita ad una sorta di grande casa dei diritti”.

“La creazione di uno Sportello di servizio per la funzione dell’Amministratore di Sostegno, oltre che una ulteriore occasione per i cittadini e le cittadine di supporto da parte delle istituzioni, soprattutto per le persone in difficoltà cui si rivolge l’istituto dell’AdS, rappresenta – sottolinea il presidente del Tribunale, Fabrizio Amato – la dimostrazione che l’Amministrazione della Giustizia, la presenza della giurisdizione sul territorio non sono soltanto regole e rispetto di esse, ma diventano necessariamente anche programma di realizzazione concreta dei diritti di tutti.

Lo sportello AdS e la sua collaborazione con il tribunale ed in particolare con l’Ufficio del giudice tutelare configurano, quindi, momento di coordinamento istituzionale ed al contempo di ausilio al cittadino in una realtà in cui la sofferenza sociale ed individuale è sicuramente a livelli consistenti e per contrastare la quale le sinergie e gli sviluppi concreti di esse sono elementi indispensabili per il coinvolgimento tutti i soggetti (anche privati) che agiscono nella sfera pubblica.”

 

Per info: Centro Provinciale Antidiscriminazione, Stefania Pancini; tel. 0573 - 374215 ; fax 0573 -374572; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 



 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.