PISTOIA
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 445

Martedì, 17 Giugno 2014 18:57

La Mabellini passa dal Comune all'Atp: docenti e direttore artistico scelti con bando

di Michele Galardini

PISTOIA – Nella giornata di ieri il consiglio comunale ha approvato con 19 voti a favore e 9 contro (Sel, Pdl e M5S) la delibera per il passaggio della scuola di musica Mabellini dal Comune all’Associazione Teatrale Pistoiese.

La decisione al termine di due giornate intense di discussione, l’ultima appunto lunedì con un dibattito durato 6 ore, che hanno però permesso all’opposizione di far approvare 12 dei 18 emendamenti presentati.

Cosa succede? In pratica la gestione della scuola passa all’Atp che pagherà il canone di affitto annuale della sede, che resta quella attuale al villone Puccini, mentre il Comune darà un contributo non obbligatorio sulla base delle disponibilità economiche. Un punto, quest’ultimo,  affrontato in sede di discussione dal Pdl che ha esordito puntando il dito sulla necessità di istituire un concorso pubblico per il passaggio della scuola, subito sconfessato dal segretario generale del consiglio, Raffaele Pancari, che ha sottolineato come il nome della scuola venga concesso a titolo gratuito, quindi senza bisogno di bando.

Il concorso pubblico è stato però inserito, sempre grazie all’opposizione, per la selezione dei docenti (con un incarico che potrà durare massimo 3 anni) e del direttore artistico: entrambi partiranno indicativamente a settembre di quest’anno.

A rappresentare la giunta in consiglio, l’assessore Elena Becheri che ha parlato a lungo della delibera rimanendo molto soddisfatta del risultato ottenuto: “questa discussione – ha detto – è servita anche per conoscere maggiormente un’importante realtà cittadina”. Sempre l’assessore, su richiesta del consigliere Paolo Lattari, ha affermato che la giunta informerà il consiglio su tutti i passaggi futuri compresa la definizione del canone di affitto che non poteva esser deciso prima della firma dell’atto di delibera.  

qui vanno inseriti i moduli banner

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.