PISTOIA

Venerdì, 22 Marzo 2019 14:39

L'Altare argenteo di San Jacopo, ponte tra Pistoia e Compostela

Lunedì 25  la presentazione al Museo de Las Peregrinaciones

PISTOIA - Una delegazione pistoiese andrà in visita a Santiago de Compostela per iniziare a lavorare ad un progetto comune per la valorizzazione del ruolo di Pistoia e dell’Altare Argenteo nel Cammino di Santiago.

“L’altare argenteo di San Iacopo a Pistoia" - con testi di Lucia Gai e foto di Nicolò Begliomini - quarto volume edito dalla Giorgio Tesi Editrice per la collana Avvicinatevi alla Bellezza, è un libro che attraverso la storia di un’importante opera d’arte orafa realizzata fra Medioevo e Rinascimento, vuole essere un ponte ideale tra Pistoia e Santiago de Compostela, due città legate alla figura dell’apostolo Giacomo di Zebedeo, ovvero San Iacopo, e unite da un unico cammino. Il culto per San Iacopo fu introdotto a Pistoia nel 1145, quando il vescovo vallombrosano Atto vi portò l’unica reliquia del Santo in Italia.

Per Pistoia, divenuta così crocevia del pellegrinaggio verso la Galizia, significò l’apertura di orizzonti internazionali e una fiorente crescita culturale.

Un libro quindi, che rappresenta l’occasione per compiere un significativo passo avanti verso il tanto atteso avvicinamento tra Pistoia e Santiago de Compostela e proprio per questo una delegazione pistoiese è stata invitata dalla Xunta de Galicia a Santiago di Compostela dal 23 al 25 marzo, per la presentazione del volume e per iniziare a lavorare ad un progetto comune per la valorizzazione del ruolo di Pistoia e dell’Altare Argenteo nel Cammino di Santiago.

Il gruppo, coordinato da Paolo Caucci Von Saucken, Presidente Centro italiano Studi Compostellani e formato dall’Assessore al Turismo del Comune di Pistoia Alessandro Sabella, dall’Arciprete della Cattedrale di Pistoia Don Luca Carlesi, da Nicolò Begliomini e Fabrizio Tesi, rispettivamente Responsabile della Comunicazione e Legale Rappresentante della Giorgio Tesi Group e da Renato Chiti dell’Associazione Il Tesoro di San Iacopo - sarà accolto da una delegazione ufficiale, capeggiata da Román Rodríguez González, Conselleiro de Cultura e Turismo de Xunta de Galicia.

Lunedì 25 marzo alle ore 18 è prevista la presentazione del libro presso il Museo de Las Peregrinaciones alla presenza del Conselleiro de cultura della Xunta de Galicia e delle autorità religiose e civili di Santiago.

“La presentazione del libro – ha detto l’Assessore al Turismo e alle manifestazioni jacopee del Comune di Pistoia Alessandro Sabella - è solo l'inizio del percorso di valorizzazione del culto Jacopeo e l'obiettivo è quello di promuovere la presenza della reliquia di San Jacopo e il relativo cammino che attraversa il nostro territorio”.

“Sulle orme dei due pellegrini, Baldovino e Mediovillano che nel 1145 portarono la reliquia del Santo a Pistoia – afferma Don Luca Carlesi Arciprete della Cattedrale di Pistoia - siamo molto felici di poter rinnovare questa relazione già avviata nel tempo e sancita nel 2017 con un Patto d’amicizia siglato tra le due città legate entrambe a doppio filo al culto Iacopeo. Nel nostro precedente viaggio a Santiago di Compostela abbiamo verificato l’affetto e la grande considerazione che la città galiziana nutre per Pistoia e quindi confidiamo che questa iniziativa contribuisca a rafforzare e tener vivo questo importante legame”.

“Per la Giorgio Tesi Group, che da sempre contribuisce alla valorizzazione delle bellezze artistiche e culturali di Pistoia e del suo territorio portandole con sé in tutto il mondo – dichiara Fabrizio Tesi legale rappresentante dell’azienda – è un grande onore essere invitati a Santiago di Compostela a presentare il nostro libro, ma soprattutto a contribuire a far conoscere la nostra città come una piccola Santiago nel cuore della Toscana”.

“La Fondazione Caript – sono le parole del Presidente Luca Iozzelli - contribuendo alla traduzione in spagnolo del libro, ha creduto fin da subito alla potenzialità del volume come ponte fra le due città di Pistoia e Compostela, già unite dal culto comune di San Jacopo”.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.