PISTOIA

Lunedì, 18 Marzo 2019 16:57

Al Manzoni due giorni di visite per le Giornate Fai

Sabato 23 e domenica 24 marzo 

di Marcello Paris

PISTOIA - "Teatro Aperto" grazie alle visite guidate dei volontari del Fondo Ambiente Italiano durante le giornate fai di primavera.

Sabato 23 e domenica 24 marzo il pubblico sarà accompagnato all’interno del Teatro per conoscerlo e spiegarne nascita ed evoluzione.

La presentazione delle due giornate sono state illustrate dal responsabile della sezione pistoiese Matteo Cafiero insieme al Sindaco Alessandro Tomasi, al vice presidente dell’Associazione Teatrale Pistoiese Roberto Cadonici, la coordinatrice del Fai giovani Eleonora Maestripieri e l’architetto Maria Camilla Pagnini.

Quest’ultima ha illustrato, a grandi linee, gli aspetti storici del teatro che attraverso varie ristrutturazioni deve il suo aspetto attuale alle modifiche apportate nel 1926 (Galleria e il Portico) dopo essere stato Teatro dei Risvegliati negli anni ’70 del Seicento, Regio Teatro nel 1861, Teatro Manzoni dal 1864.

L’iniziativa è stata pensata per far conoscere il Teatro a coloro che comunemente non lo frequentano e per, come si è detto, illustrarne le origini così come, più in generale, il Fai crea l’opportunità di far conoscere il patrimonio artistico del Paese in luoghi difficilmente e raramente accessibili.

Nell’illustrare le due giornate Fai, Matteo Cafiero ha ricordato il successo della raccolta firme, 11030, per la ristrutturazione e valorizzazione del Parterre, in piazza San Francesco, entrato nella graduatoria per i luoghi del cuore, graduatoria che consente l'accesso ai finanziamenti del Fondo stesso.

Le visite sono anche l’occasione per diventare soci del Fai la cui tessera dà luogo all’ingresso scontato a molte realtà culturali, turistiche e di spettacolo.

A parlare del Parterre è intervenuto anche il Sindaco il quale, a domanda, ha risposto che sono stati incaricati due architetti tirocinanti, che hanno svolto la loro tesi su quel luogo, per redigere un progetto di recupero e calcolarne i costi.

Solo successivamente, con la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e i privati, sarà possibile decidere cosa fare e in quale tempi. 

Sul Teatro il sindaco ha detto che questo è un patrimonio della città ed una priorità per il comune; un luogo da mantenere e per il quale c’è un progetto di messa a norma antincendio, oltre ad alcuni lavori strutturali, per renderlo fruibile senza le limitazioni attuali: un progetto del costo di circa 300 mila euro.

Per reperire i fondi, oltre a quelli propri, ci sarà l’intervento della Fondazione Caript e un crowdfunding (raccolta pubblica).

Tornando alle giornate Fai, finalizzate a far conoscere le bellezze dell’Italia, le stesse servono a sensibilizzare alla cura dei siti storici artistici e raccogliere fondi a difesa del patrimonio d’arte e natura italiano.

La coordinatrice dei giovani del Fai Eleonora Maestripieri è intervenuta per dire che la loro presenza, oltre ad aiutare nelle visite, serve anche a sensibilizzare i giovani i quali, dopo l’esperienza, chiedono di aderire al Fondo.

Parlando delle giornate dei prossimi 23 e 24, l'apertura e la visita guidata del Manzoni saranno: il sabato dalle 9,30 alle 13 per i soci Fai. Solo per il sabato, le visite saranno allietate da interventi musicali a cura della Scuola di Musica e Danza Mabellini: gli allievi Angjiela Ramaj, soprano, e Francesco Braida, pianoforte eseguiranno lieder romantici.

Le visite avranno la seguente scansione: alle 10 il primo gruppo accompagnato dall’arch. Maria Camilla Pagni; il secondo alle 11 guidato dalla prof. Giuseppina Carla Romby ed alle 12 da Chiara Corsini. La domenica l’apertura sarà dalle 9,30 alle 17,30 (ultimo ingresso) con visite di piccoli gruppi a cura del giovani del Fai e dagli “apprendisti ciceroni” (sono 40.000 in Italia) dei Licei Artistico Petrocchi, Duca D’Aosta e Forteguerri di Pistoia.

In Italia ci saranno complessivamente 1100 aperture in 430 località di tutte le regioni consultabili sul sito: www.giornatefai.it o telefonando al numero 02/467615399.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.