PISTOIA

Giovedì, 14 Marzo 2019 14:57

Bilancio di previsione 2019: intesa tra Comune e Sindacati

Conferma della spesa per servizi legati alle politiche di inclusione sociale

PISTOIA - E' stato sottoscritto nei giorni scorsi dall’Amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Alessandro Tomasi e dall’assessore al bilancio Margherita Semplici, e dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil, il protocollo di intesa sul bilancio 2019 del Comune.

Il sindaco e l'assessore Semplici hanno illustrato e discusso con le organizzazioni sindacali le scelte fondamentali che costituiscono la base della costruzione del bilancio 2019 dell'Ente, in queste ore al vaglio del consiglio comunale.

Si è trattato di un confronto animato da uno spirito costruttivo e di reciproca collaborazione, dunque un passaggio qualificante per il territorio, teso a migliorare la qualità della vita dei cittadini.

In breve, il Comune di Pistoia ha precisato che intende proseguire nella direzione della conferma della spesa per servizi legati alle politiche di inclusione sociale; del contenimento della pressione tributaria e tariffaria a carico dei cittadini; nella lotta all’evasione fiscale; nelle politiche di agevolazione per la collina e la montagna; nel dare priorità alla sicurezza degli istituti scolastici; nella programmazione delle politiche di igiene ambientale dirette alla riduzione di rifiuti indifferenziati in un quadro di confronto franco e trasparente con i cittadini e le parti sociali.

L’Amministrazione comunale ha manifestato, poi, piena disponibilità a svolgere ulteriori incontri con le organizzazioni sindacali per verificare l’efficacia degli interventi previsti e individuare ulteriori azioni da condividere in tema di appalti e politiche del lavoro, dello sviluppo del territorio e provvedimenti anticrisi.

Da parte loro, le organizzazioni sindacali hanno richiamato l’attenzione sul protocollo regionale sugli appalti a tutela dei diritti del lavoro, legalità e trasparenza firmato da Regione Toscana, Anci Toscana, Cgil, Cisl, Uil e associazioni datoriali.

Comune e sindacati hanno condiviso la necessità, nel rispetto dei propri ruoli, di intraprendere iniziative, anche comuni, affinché il Parlamento modifichi le leggi che riguardano la partecipazione attiva dei Comuni alla lotta all’evasione fiscale, con l’obiettivo di semplificare e rendere più efficace la normativa.

É stata espressa, infine, comune preoccupazione sulla tenuta del sistema sanitario locale e sulla qualità dei servizi sanitari erogati.

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento Marco Landucci Venerdì, 15 Marzo 2019 11:20 inviato da Marco Landucci

    Visto che hanno firmato questo bell'accordo speriamo che la CGIL si ricordi anche di chiedere conto all'amministrazione della chiusura o dismissione di servizi educativi, dell'aumento della tari e del costo parcheggi e pubblici trasporti, nonché di regalie fatte a imprenditori (v. Ex Giusti e mancata riscossione della fidejussione su aree exbreda...).

    Mi pareva che la CGIL avesse sostenuto le purtroppo deboli iniziative (come "Italia che resiste") per chiedere conto al potere attuale delle scelte fin qui attuate.
    Mi ero ovviamente sbagliato.
    Continuiamo così e faremo trionfare Salvini, la destra e il malaffare con cui operano. Complimenti!

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.