PISTOIA

Giovedì, 14 Marzo 2019 13:45

Strage di via Fani, Pistoia ricorda Aldo Moro

il monumento "Memoria storica" il monumento "Memoria storica"

Verranno deposte corone di alloro al monumento "Memoria storica"

PISTOIA - Per il quarantunesimo anniversario della strage di via Fani, dove fu rapito l’onorevole Aldo Moro e persero la vita cinque uomini della scorta, sabato 16 marzo, alle 11, sul lato della chiesa di San Francesco che si affaccia su corso Gramsci si svolgerà una cerimonia in ricordo del tragico evento.

Nell'occasione verranno deposte corone di alloro al monumento "Memoria storica", progettato da Giovanni e Giampiero Bassi.

Saranno presenti il sindaco Alessandro Tomasi, il capo di gabinetto della Prefettura Eugenio Di Agosta, la presidente della Provincia Marzia Niccoli e Sabrina Barghi, presidente del Centro Studi Donati, insieme alle altre autorità territoriali e ai membri del Cudir.

All'iniziativa parteciperanno anche tre classi dell’Istituto Pacinotti, accompagnate dai docenti. La cerimonia è promossa dal Comitato unitario per la difesa delle istituzioni repubblicane (Cudir).

La mattina del 16 marzo 1978, giorno in cui il nuovo governo guidato da Giulio Andreotti stava per presentarsi in Parlamento per ottenere la fiducia, l'auto che trasportava Aldo Moro dalla sua abitazione alla Camera dei deputati fu intercettata in via Mario Fani da un commando delle Brigate Rosse. I terroristi uccisero i due carabinieri a bordo dell'auto di Moro (Domenico Ricci e Oreste Leonardi) e i tre poliziotti sull'auto di scorta (Raffaele Jozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi), e sequestrarono il presidente della Democrazia Cristiana.

Dopo una prigionia di 55 giorni il corpo di Aldo Moro fu ritrovato il 9 maggio nel cofano bagagli di una Renault 4 a Roma, in via Caetani.

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento bibi Sabato, 16 Marzo 2019 17:54 inviato da bibi

    Trovo veramente antistorico l'accostamento fra i due monumenti . Il significato di quello magnniloquente della piazza e la presenza del fante con in mano una bomba e pronto a scagliarla contro l'odiato nemico , e quell'angolo in cui si ricorda l'uccisione di Aldo Moro ad opera di "forze" che rappresentano ancora un mistero della nostra storia . Da una parte il ricordo di uno stato che manda a morire i suoi cittadini e che poi li glorifica come vittoriosi , e dall'altra il ricordo di una vergogna storica . Ma siamo poi sicuri che la gran massa abbia cognizione di cosa si sta parlando ?

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.