PISTOIA

Giovedì, 14 Marzo 2019 11:23

Ambientalisti, dito puntato contro l'estensione del vivaismo

Sit-in domani davanti alla Provincia

PISTOIA – Sit-in di fronte alla Provincia domani, venerdì 15 marzo dalle 10 alle 12, in occasione del global strike. La manifestazione in piazza San Leone è diretta contro l’ampliamento delle aree vocate a vivaismo. Ambiente a Pistoia vuol dire soprattutto vivaismo, uso eccessivo di prodotti chimici, acque superficiali in stato di allarme. Per questo una serie di associazioni ambientalistiche (Alleanza Beni Comuni, Biodistsretto Montalbabo, WWF, Acqua bene comune) hanno indetto in questa giornata-simbolo il sit-in di fronte alla Provincia. Infatti il 15 gennaio il Consiglio Provinciale ha approvato le controdeduzioni relative alle osservazioni alla Variante del Piano Territoriale di Coordinamento per l'estensione delle aree vocate al vivaismo, presentate da circa 50 soggetti fra cittadini, partiti ed associazioni. Le osservazioni sono state respinte in quanto “non accoglibili” o “non pertinenti”.

“Non reputiamo accettabili – dicono gli organizzatori della manifestazione - le motivazioni addotte dalla Provincia, in particolare per quanto riguarda la sostenibilità ambientale ed il principio del diritto alla salute, che la Provincia non crede degne della minima valutazione.

Riteniamo inoltre che il contenuto della Variante sia fortemente incompatibile con le finalità della Legge Regionale sul governo del territorio. Pertanto sarà richiesta alla Regione la pronuncia della Conferenza Paritetica composta dalla stessa Regione e dal Ministero dei Beni ed Attività Culturali, al fine di rimettere in discussione i contenuti della suddetta Variante.

Non è più tollerabile una agricoltura che inquina e non rispetta la vita. La Provincia, che si dovrebbe adoperare per la difesa dei beni comuni e della salute, difende invece i profitti e gli interessi di pochi con il previsto ampliamento delle aree vocate a vivaismo. Come certificato dall’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, il vivaismo è una delle principali cause dell’inquinamento delle nostre acque e ampliarne l’estensione significa solo peggiorare ulteriormente la già fortemente compromessa situazione determinata da un uso intenso di diserbanti e pesticidi, tossici per l’uomo e pericolosi per l’ambiente”.

 

 

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento luigi filippo di orléans Lunedì, 18 Marzo 2019 13:41 inviato da luigi filippo di orléans

    Uno spettacolo penoso . Il numero dei poliziotti in divisa e borghese era forse il doppio dei partecipanti . Striscioni di associazioni incomprensibili e sconosciute . Teloni nuovi di pacca con frasi allucinanti come quella di meno antenne e più alberi . Il fautore di una delle organizzazioni nate recentissimamente , partecipa ad una serqua di associazioni . Un gran calderone fra vaccini , antenne , glifosati senza un pubblico . Una delle sitanza circa l'opposizione ad un aumento delle superfici agrarie a vivaio , semplicemente demenziale . Più controlli , una denuncia al giorno , etc .. Ma forse , meglio un presidente , vice presidente , segretario , direttivo , probiviri etc. Questo fa recuperare anche una candidata alle ultime elezioni amministrative naufragata nell'oblio .
    Ma per favore . Ma Pannella vi ha insegnato proprio niente ? A meno che il target non sia diverso !

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.