PISTOIA

Sabato, 09 Marzo 2019 16:46

E' morto Giorgio Matassi, insegnante e sindacalista

Giorgio Matassi in una foto degli anni '80 Giorgio Matassi in una foto degli anni '80

La sua figura nel ricordo di Renzo Fagioli

PISTOIA – E' morto l'altro ieri Giorgio Matassi molto noto per la sua attività di docente e sindacalista. Aveva 83 anni. Matassi era geologo e un grande appassionato di basket.

“Un altro pezzo di scuola pistoiese che ci lascia” – dice di lui Renzo Fagioli, che lo ebbe come collaboratore quando dirigeva il sindacato Cisl-Scuola pistoiese. “Giorgio Matassi, è stato docente, geologo, sindacalista. Fu parte attiva – dice ancora Fagioli - del gruppo che costituì, nella seconda metà degli anni '60. la Cisl-Scuola di Pistoia.
Una esperienza sindacale unica, esaltante, volontariato allo stato puro, punto di riferimento per la città e per le province vicine. Uomo buono, generoso, di vaste competenze, allegro e con la battuta sempre pronta, amato e stimato da tutti. Ricoprì importanti ruoli nel sindacato e nella scuola, anche come dirigente. Fu docente nei corsi abilitanti, e membro delle commissioni istituite presso i provveditorati, ove, in totale e assoluta trasparenza, si assegnavano gli incarichi. Chi lo ha conosciuto non potrà mai dimenticarlo. Chi, come me, ha avuto anche l'onore di collaborarci, lo terrà strettamente nel cuore e nelle proprie preghiere”.

questo articolo è stato offerto da:


3 commenti

  • Link al commento Sara Mercoledì, 13 Marzo 2019 15:30 inviato da Sara

    Non esistono parole per descrivere il vuoto che provo adesso, ho una grande certezza però, nel cuore, che oggi devo la mia forza mentale e la mia determinazione a quest'uomo. Quante risate in classe o in gita a Ferrara... La naturalezza con cui portava fiero i suoi baffi... Non ho parole per questa perdita... Ma ti porterò sempre nel mio cuore Giorgio Marassi... Sempre fatto e sempre resterai lì, sei parte del mio essere. Arrivederci, spero un giorno di poterci incontrare ancora.

    Rapporto
  • Link al commento Francois Martedì, 12 Marzo 2019 01:36 inviato da Francois

    Quale possa essere la parola appropriata, per spiegare il valore dell'incontro con questo, vero, signore, non è dato saperlo; e resta davvero difficile immaginare che un solo termine possa essere investito di tanto onere...
    Mi permetto, dopo quasi 25 anni, di esprimerti il mio più genuino grazie, insegnante. Hai lasciato, davvero, il "segno". Hai impresso una linea indelebile, un ricordo delicato, eppure così inamovibile, nella mia adolescenza e nella mia vita. E so che lo hai fatto con tutti quelli che, come me, hanno avuto il grande privilegio di percorrere un pezzo di strada, della tua affascinante strada. Mi mancherai, ti porterò nel cuore e nella testa, come ogni brillante lezione tenuta dietro la cattedra o lontana da essa. Ciò che hai costruito, la coerenza della tua persona, i tuoi principi, oggi continuano nelle parole e nella tenacia di una famiglia che, anche ora, seppur affranta, trasmette in ogni suo gesto valori di trasparenza e amore per la cultura, di umanità e di dignità.
    Come ho già fatto in tutti questi anni, continuerò a portarmi dietro ricordi ed esperienze, tanti da non riuscire a contarli e che, in questi giorni, riaffiorano e accrescono l'incredulità di fronte all'accaduto. Buon viaggio e buona ricerca, maestro.

    Rapporto
  • Link al commento Luca Sabato, 09 Marzo 2019 19:06 inviato da Luca

    La mia famiglia ed io vogliamo esprimere ringraziamento per le belle parole del sig. Renzo Fagioli. È sempre stata nostra certezza che Giorgio fosse una persona speciale e questo articolo, ma sopratttutto la folla commossa che ha partecipato al nostro dolore di questi giorni, ne sono state la conferma.

    Luca Matassi

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.