PISTOIA

Martedì, 05 Marzo 2019 17:20

Decreto sicurezza, Bini (Pd) solidale con la Diocesi

Caterina Bini Caterina Bini

La Lega aveva attaccato gli organizzatori del convegno

PISTOIA – La Lega definito “pura propaganda politica” il convegno organizzzato dalla Diocesi, da Caritas e dalla Fondazione Migrantes sul tema “Dopo il decreto sicurezza”. La Lega contestava, in particolare,  il fatto che la discussione non si fosse focalizzata sul dato oggettivo dei contenuti della legge.

Alla Lega risponde Caterina Bini, senatrice del Pd che accusa gli esponenti locali della Lega di non aver “letto bene i contenuti del decreto sicurezza, approvato poche settimane fa dalla propria maggioranza di governo”.

I due rappresentanti della Lega, sottolinea Bini, parlano di “differenziare gli immigrati che rispettano le regole da coloro i quali delinquono”, ma nascondono la realtà dei contenuti: “Il decreto sicurezza toglie il permesso umanitario a persone che sono all’interno di un percorso d’integrazione, a bambini che hanno imparato la nostra lingua, che frequentano la scuola, che sono amici dei nostri figli. In cambio li obbliga a diventare invisibili, a non poter lavorare, nega loro la possibilità di costruirsi una vita nel rispetto delle regole e li spinge verso una vita ai margini”.

Questo, chiede la senatrice, dovrebbe produrre maggior sicurezza? Basta leggere il decreto, sostiene Bini, per capire che il risultato voluto è quello di produrre maggiore illegalità e disagio.
“È ridicolo – conclude - attaccare la Diocesi di Pistoia, che tengo a ringraziare, per un evento informativo e approfondito come quello di sabato mattina. Un attacco che proviene per giunta da coloro che hanno fatto del crocifisso e del presepe strumenti di propaganda nelle aule dei consigli comunali e nelle scuole, dimenticandosi totalmente - o non capendo - il messaggio dei vangeli: ‘ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, lo avete fatto a me’".

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.