PISTOIA

Mercoledì, 27 Febbraio 2019 15:36

Ecco uomini e donne di Zingaretti per le primarie

Un incontro di Piazza Grande Pistoia Un incontro di Piazza Grande Pistoia

I sei candidati pistoiesi con Zingaretti per le primarie del Pd

PISTOIA – La mozione Zingaretti gioca le sue carte per le primarie di domenica prossima, destinate a dire la parola definitiva su chi sarà il nuovo leader del Partito Democratico. Stamani sono stati presentati i candidati pistoiesi alla Assemblea Nazionale. A capo della lista di “Piazza Grande Pistoia” Nicola Tesi, 47 anni, attuale sindaco di Ponte Buggianese; al numero due Agnese Pippolini, 25 anni, studentessa di Montale, dei Giovani Democratici pistoiesi; terzo in lista Marco Pieracci, 56 anni architetto di Pistoia, attuale segretario del Circolo Pd di Pontelungo-Spazzavento; seguono Verusca Bianchi, 41 anni, attuale assessore al comune di San Marcello-Piteglio; Simone Fragai, 30 anni, pistoiese e membro della Assemblea nazionale uscente, segretario del Circolo Pd di Bonelle. A chiudere la lista, Federica Fratoni, 46 anni, assessore all'ambiente in Regione.

“Una lista corale – la definisce la coordinatrice provinciale di Piazza Grande, Simona Querci – che dà voce a più sensibilità ed esperienze. Nata con l'intenzione di fare sintesi a partire dalla scelta del capolista, il sindaco Nicola Tesi, che ha da poco vinto a Ponte Buggianese proprio per un approccio aperto e plurale. per i suoi rapporti stretti con le associazioni nel territorio e per la capacità di estendere le alleanze. La lista inoltre è aperta al mondo dei giovani, di cui troppo spesso si parla senza dare poi loro voce”.

Maurizio Bozzaotre, segretario comunale del Pd, sottolinea il significato della presenza fra le sei proposte di professionalità ed esperienza politica. “Con il giusto equilibrio fra amministratori e segretari di circolo, c'è in lista un'alta rappresentatività dei territori”.

“Voglio sottolineare – aggiunge Bozzaotre – che i nomi non sono arrivati dall'alto, ma sono il frutto di un'ampia discussione e di una selezione condivisa. Un lavoro di cui deve essere dato atto alla coordinatrice Simona Querci, che ha seguito passo passo questo percorso. Significativa anche la presenza all'ultimo posto di Federica Fratoni, che ha voluto comunque mettere il suo nome in questo progetto”. Quella della Fratoni insomma è una testimonianza che punta a ricucire qualche strappo e a dare un segnale di apertura.

In qualche modo le proposte pistoiesi ricalcano lo spirito che sta alla base dell'idea di Zingaretti di un partito plurale e aperto a riannodare dialoghi. Un “nuovo” Pd che intende parlare a diverse anime della sinistra.

La parola spetta ora a iscritti e simpatizzanti, che potranno votare ai tanti seggi che saranno aperti domenica fra le 8 e le 20. A Pistoia saranno 16. Una cinquantina in tutta la provincia.

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.