PISTOIA

Venerdì, 08 Febbraio 2019 20:47

Perde troppo alle slot e colpisce con una bottiglia il gestore

E' successo in serata nel Circolo di Pontelungo

PISTOIA - Si è arrabbiato perchè stava perdendo (parecchio) alle slot che sono collocate in un'aria marginale del bar, nel Circolo di Pontelungo. Protagonista un giovane di origine albanese che frequenta spesso il locale. Prima ha litigato con il gestore del bar. Successivamente è arrivato nell'esercizio il responsabile che controlla le macchinette in tutta la zona pistoiese.

E' diventato lui allora l'obbiettivo delle lamentele e della rabbia. Troppi soldi persi. La discussione è divenuta accesa. Poi si è trasformata in un litigio. Sembra che a questo punto (erano da poco passate le 18) il giovane abbia colpito con una bottiglia il gestore delle slot, procurandogli una ferita. Certo è che l'uomo, 53 anni, è stato accompagnato (in codice giallo) al pronto soccorso del San Jacopo da una ambulanza della Croce Verde . Solo quando ormai tutto era finito sono arrivate le forze dell'ordine, che dovranno magari procedere (se ci sarà una querela) a ricostruire nei dettagli i momenti di questa brutta vicenda. Legata, ancora una volta, all'abuso delle slot, alla ludopatia, e a tutto ciò che le ruota attorno: compresa la rabbia che assale chi gioca quando le perdite sono eccessive, come spesso succede.

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento bibi Sabato, 09 Febbraio 2019 09:17 inviato da bibi

    Un tempo c'era una regola da parte dei circoli della "sinistra" . Controllare da buoni padri di famiglia da parte anche dei soci , cosa succedeva all'interno - Si dovrebbe trattare di luoghi riservati ai soci tesserati e non a chiunque . Infatti questi circoli non hanno veste per dispensare cibi e bevande ed altri servizi se non ai soci . Per anni ed anni , si è costituita in Italia , una "zona" franca che consentiva le feste dell'Unità ed altre sagre fuori del sistema che imponeva regole a tutte le attività "legali".
    All'interno dei "circolini" partite a poker e conchini fino all'alba . erano la regola . Tutto naturalmente per il bene del Partito . Lavoro nero al banco che passava per volontariato etc.
    Poi negli anni , le macchinette che hanno trasformato circoli e pubblici esercizi , in casino' dei poveri . Infatti poi i casino' veri sono o stanno fallendo . Tabaccherie che sono divenute sale di perdizione e gratta e vinci che se cessassero , chiederebbero allo stato un paio di finanziarie (e dico poco) . A questo punto occorrerebbe veramente , a partire proprio dai circoli , l'affermazione di un vecchiio mantra . " NOI SIAMO DIVERSI" . Purtroppo però . episodi come quelli di sopra non indicano niente di diverso .

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.