PISTOIA

Martedì, 09 Ottobre 2018 15:37

Aggressione autista, Tomasi: la sicurezza deve essere garantita

nella foto Alessandro Tomasi nella foto Alessandro Tomasi foto Reportpistoia

Tomasi commenta anche il fatto della mamma e del bimbo 

PISTOIA - In seguito all'episodio di ieri sera dove un autista del Copit è stato aggredito con un pugno al volto da un passeggero senza biglietto, interviene il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi

Ricordiamo che l'aggressione è avvenuta intorno alle 20.30 in piazza Dante, sulla linea 15, quando il mezzo era fermo alla stazione.

L'aggressore, dalle prime testimonianze raccolte da Polizia e Carabinieri, sembra essere un giovane extracomunitario che si è dato alla fuga subito dopo l'episodio.

L'autista in seguito all'aggressione è stato condotto al pronto soccorso dell'ospedale San Jacopo. Per lui sette giorni di prognosi.

Di seguito il commento del sindaco di Pistoia

"Voglio esprimere la mia vicinanza e quella dell’amministrazione comunale all’autista del Copit che ieri sera, mentre era in servizio, è stato aggredito da un passeggero a cui aveva chiesto il biglietto.

Lo faccio pubblicamente per condannare con forza e fermezza un episodio che non deve in alcun modo diventare la normalità nella nostra città.

La tranquillità e la sicurezza degli autisti e, con loro, anche di chi utilizza il trasporto pubblico locale, devono essere garantite, così come quelle di tutti i cittadini.

In questa opera di tutela della sicurezza, sono sicuro del pieno sostegno del Prefetto e delle Forze dell’ordine, che già moltissimo stanno facendo proprio per isolare e combattere questi singoli episodi di violenza, che tali devono rimanere.

Copit ha riferito all’amministrazione che l’autista è stato colpito al volto da un uomo di origine straniera - in evidente stato di alterazione, causato probabilmente dall’alcol - e successivamente trasportato al pronto soccorso.

All’autista aggredito, auguro di tornare presto al lavoro e di svolgere il proprio ruolo nella tranquillità che merita.

L’amministrazione, infine, è in contatto con Copit per ricevere tutti i necessari approfondimenti e aggiornamenti relativi alle verifiche in corso sulla vicenda della donna fatta scendere dall’autobus insieme al suo bambino nella giornata di domenica, come diffuso dagli organi di stampa.

Nel caso in cui l'episodio dovesse trovare conferma, sarebbe un fatto grave su cui adottare i doverosi provvedimenti.

E’ quindi quantomai necessario chiarire definitivamente l’accaduto, nella tutela di tutte le persone coinvolte".

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento bibi Martedì, 09 Ottobre 2018 19:17 inviato da bibi

    E bravo il nostro signor Sindaco . La sicurezza innanzi tutto . In una settimana siamo al secondo episodio di violenza di due addetti al trasporto pubblico . Ferrovia e Copit . Argomento del contendere : due biglietti non pagati . I biglietti devono essere pagati e non si discute. Dubito pero' che le amministrazioni incitino i propri dipendenti a richiederne il pagamento in maniera tale da mettere a rischio persone e servizio. Episodi del genere sono la regola e se ogni richiesta di biglietto si risolvesse in rissa .....Non dico che il personale dovrebbe passar da "grullo per non pagar gabella" , ma mi domando dove è finito il buon senso comunePoi giornali , sindaco , questore , prefetto , carabinieri e magari sempre polizia a bordo .
    Attenzione perchétutto cio' , lontano da migliorare la sicurezza , fa il gioco dei vari Casapound , Foze nuove e salvinisti . Abbassiamo i toni per favore

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.