PISTOIA

Mercoledì, 03 Ottobre 2018 17:28

Pistoia, don Massimo Biancalani: "inizio lo sciopero della fame"

don Massimo Biancalani don Massimo Biancalani

L'ordinanza del Comune "viola i patti lateranensi"

PISTOIA - Sciopero della fame, notifica di un avviso di garanzia fino ad arrivare alla violazione dei patti lateranensi. E' un fiume in piena don Massimo Biancalani

Nel corso della conferenza stampa di oggi, mercoledì 3 ottobre, un giorno dopo la petizione contro il suo sistema di accoglienza firmata da 190 residenti del quartiere di Vicofaro, don Biancalani parla di un avviso di garanzia notificatogli lo scorso inverno.

Dopo aver postato le foto dei migranti in piscina

"Non c'è un avviso di garanzia vero e proprio - spiega Ermanno Buiani, avvocato di don Massimo Biancalani - ma un 'verbale per l'identificazione e elezione di domicilio', notificato al mio assistito a dicembre scorso". 

Per il parroco di Vicofaro, invece, si tratta di un avviso di garanzia. "Per aver pubblicato su Facebook, nell'agosto del 2017, la foto dei migranti in piscina. Mi è stato notificato dalla Questura" continua don Biancalani. 

Dalla Questura spiegano che l'Ufficio immigrazione ha denunciato la pubblicazione di foto di rifugiati politici - postate su internet dal parroco - al garante della privacy nell'inverno scorso.

Il garante della privacy infatti, dopo aver incaricato la Polizia di identificare ufficialmente la persona con un verbale, può procedere penalmente nel caso di reati gravi. O procedere con una sanzione amministrativa. 

"Sembra un atto amministrativo - spiega ancora il legale raggiunto al telefono da Reportpistoia - .Domani mattina mi recherò in Tribunale e farò accesso agli atti per capire se c'è o no una indagine in corso. E' anche vero che dopo un anno dalla notifica, se ci fosse stata, avrebbe già dovuto essere conclusa". 

Anche il parroco di Vicofaro non sa se l'avviso è decaduto o no. "Se questa indagine è stata avviata, io non lo so", continua il prete. 

Don Massimo Biancalani ci tiene anche a dare la piena solidarietà al sindaco di Riace Domenico Lucano, simbolo dell'accoglienza dei migranti, da ieri agli arresti domiciliari per una inchiesta dei pm di Locri.

Le accuse per Lucano sono favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. 

"Sono dalla sua parte - sottolinea don Biancalani - lo comprendo, capisco la sua scelta, perché per comprendere le cose bisogna lavorare come lui che si è trovato a gestire situazioni umanitarie rilevanti. In Italia c'è una legislazione molto rigida, punitiva, per certi aspetti disumana". 

E il parroco annuncia un presidio di sciopero della fame per l'ordinanza del Comune che toglie legalità all'ospitalità di Vicofaro. Una ordinanza che per don Massimo Biancalani viola i patti lateranensi, ovvero gli accordi fra Chiesa e Stato

"Il provvedimento del Comune è stato impugnato al Tar. Il divieto, da parte del Comune, di accoglienza nei confronti di extracomunitari e comunitari inibisce l'attività stessa della Chiesa" sottolinea l'avvocato Buiani . 

Perché senza ospitalità legale, i ragazzi di don Biancalani ospiti a Vicofaro perdono la possibilità del rinnovo del permesso di soggiorno

E per questo il parroco ha deciso di proclamare lo sciopero della fame. "Un presidio di sciopero della fame, chiunque potrà venire a Vicofaro a darmi il cambio". (i.l)

 

 

 

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento bibi Mercoledì, 03 Ottobre 2018 19:19 inviato da bibi

    Stamani su di un altro foglio on line è stato pubblicato il testo della petizione di 190 cittadini rivolto a tutte le autorità . La lettura del testo , era allucinante . Razzismo , contraddizioni , accuse di non seguire la dottrina dei ragazzi , gioco del pallone in piazza davanti alla chiesa e preoccupazione per la sicurezza degli ospitati . Abbiamo dovuto a vedere feste islamiche (magari scambiate per messe nere) - Una serie di vomitevoli accuse senza senso e costrutto . Ho inserito un mio commento . Lìarticolo è stato riwscritto e sostituito con un piccolo sunto e sparito anche il mio commento .
    Cose che succedono .... ma che tristezza.....
    Con un ministro che gode a far chiudere Vicofaro e far del male al paese di Riace e appare tronfio in tv , non si puo' sperare niente di buono . I 190 della spedizione ? Ma tutti hanno firmato e tutti avrebbero il coraggio di firmare guardando negli occhi l'odiato nemico Biancalani ? Che brutte cose ....

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.