PISTOIA
Giovedì, 12 Luglio 2018 19:07

Chiuso un Night Club, irregolarità e mancanza di sicurezza

La centrale operativa della Questura La centrale operativa della Questura

Il locale era privo di licenza. 7 clandestine come “intrattenitrici”

PISTOIA – Privo di licenza, con grossi problemi di sicurezza e irregolarità amministrative. E con giovani clandestine come “intrattenitrici”. Un night club della provincia è stato chiuso. E si sono avviati vasti controlli anche su altre strutture.

L'operazione rientra nell’ambito dei servizi predisposti dal Questore di Pistoia Salvatore La Porta, in tema di movida in sicurezza che interesseranno tutta la stagione estiva in provincia. L'obbiettivo è quello di contrastare forme di abusivismo commerciale che rappresentano non soltanto una violazione della legge, ma soprattutto un grave pericolo per la salute e l'incolumità dei cittadini.

Il personale della Squadra Amministrativa dell’Ufficio Licenze della Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell’Immigrazione della Questura di Pistoia diretta da Luca Gorrone ha proceduto al sequestro preventivo, su disposizione del Gip del Tribunale di Pistoia, di un altro locale notturno che operava in un comune della Valdinievole.

Il sequestro è stato emesso a seguito del controllo di polizia effettuato alla fine del maggio scorso sempre da parte della Squadra Amministrativa, cui era seguita una prima Comunicazione di Notizia di Reato a carico di un 55enne campano residente a Montecatini Terme.

I reati contestati andavano dalla conduzione del locale senza nemmeno la licenza di pubblica sicurezza, all’impiego di giovani clandestine per l’intrattenimento in sala (7 lavoratrici straniere extracomunitarie prive del visto di ingresso per lavoro), al mancato rispetto di idonee misure antincendio, e altre violazioni in materia di prevenzione sanitaria e amministrativa; i reati più gravi comportano, peraltro, la misura dell’arresto fino a 3 anni, mentre la somma delle sanzioni contestate (alcune delle quali aggravate, altre oblabili in misura ridotta) va da un minimo di poco più di 50.000 euro ad un massimo di poco inferiore ai 60.000.

Dal 2017 5 sopralluoghi in Night Club: denunce e irregolarità

Il controllo in questione segue altri 5 sopralluoghi analoghi condotti dalla Squadra di Polizia Giudiziaria della Divisione Amministrativa della Questura di Pistoia dal 2017 ad oggi, l’ultimo dei quali a giugno. Durante tutti i controlli effettuati ai 5 Night Club della provincia pistoiese sono stati accertati numerosi illeciti sia di natura penale che amministrativa, che complessivamente hanno determinato:

· la denuncia penale di 7 persone, tra gestori e consulenti, di 4 locali su 5 per l’impiego di giovani donne extracomunitarie, tra le 10 e le 20 per locale, prive di visto di ingresso per lavoro (in un caso i gestori e il commercialista sono stati denunciati anche per il reato di falso ideologico poiché avevano effettuato dichiarazioni false per far risultare regolari le loro assunzioni), per violazioni attinenti la sicurezza del locale;

· il sequestro preventivo di 3 locali su 5;

· la denuncia penale per attività senza licenza di 4 locali su 5, con imposizione della chiusura immediata;

· la sottoposizione a sanzioni amministrative di 4 locali su 5 relative alle violazioni sugli avvisi sull’abuso di alcol ed alla predisposizione di apparecchiature per l’alcol test previsti dalla normativa regionale.

Controlli anche in 4 discoteche

Sono stati controllati anche 4 discoteche, locali di pubblico spettacolo. Anche durante tutti i controlli effettuati alle 4 discoteche della provincia pistoiese sono stati accertati numerosi illeciti sia di natura penale che amministrativa, che complessivamente hanno portato alla luce che:

· in 3 sopralluoghi su 4  l’attività era svolta senza licenza, senza agibilità strutturale e senza aver passato alcun vaglio della Commissione Comunale di Pubblico Spettacolo (quindi senza i necessari requisiti di sicurezza a tutela dei clienti e dei lavoratori); il gestore dell’unico locale che aveva la licenza è stato denunciato perché non ne aveva osservato le prescrizioni di sicurezza.

· 2 locali su 4 sono stati anche sospesi dalle attività (rispettivamente per 15 e 7 giorni) dal Questore per motivi di ordine e sicurezza pubblica.

Al vaglio anche 2 alberghi: a Montecatini e Pistoia

Negli ultimi due mesi i controlli sono stati estesi anche alle strutture alberghiere:

· il titolare di una di queste strutture (a Montecatini Terme) è stato denunciato penalmente perché non comunicava la presenza degli alloggiati al Questore, attività prevista per i controlli di sicurezza e antiterrorismo; sono in corso di definizione altre violazioni di natura igienico sanitarie e di sicurezza antincendio riscontraste durante il sopralluogo;

· l’altra struttura (a Pistoia) è risultata in regola, registrando solo un’anomalia nella comunicazione del subentro del nuovo gestore, fatto comunque di particolare rilievo perché, se l’Autorità di Pubblica Sicurezza non conosce chi gestisce l’attività, non può verificarne i requisiti di affidabilità.

 

 

qui vanno inseriti i moduli banner

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.