PISTOIA

Martedì, 10 Luglio 2018 11:31

Maturità, due 100 e lode al Forteguerri. Tutti diplomati i liceali

Maturità, due 100 e lode al Forteguerri. Tutti diplomati i liceali foto Guendalina Ferri

Pietro Francaviglia e Maria Caterina Pacini

PISTOIA - Molti i candidati al top nei quattro indirizzi liceali del Forteguerri (liceo classico, liceo scienze umane, liceo economico sociale, liceo musicale).

Sui tabelloni dei risultati si leggono con soddisfazione votazioni di eccellenza che rendono merito e onore agli studenti e ai docenti. Gli studenti ammessi a sostenere la Maturità rappresentavano il 98,4% degli scrutinati e di questi il 100% ha conseguito il diploma di maturità.

La distribuzione dei voti, rispetto al precedente anno scolastico, rivela un incremento complessivo nell’andamento degli esiti con aumenti in tutte le fasce di voto più alte e una notevole diminuzione dei 60 e della fascia 61-70.

Si segnalano, oltre ai numerosi cento, due studenti che hanno avuto l’attribuzione della lode, a coronamento di un brillante percorso di studi, che ha trovato piena conferma in sede di esame. Si tratta di Pietro Francaviglia della classe V A liceo classico, già vincitore di numerosi Certamina di lingue classiche e per quattro volte finalista alle Olimpiadi nazionali di Matematica, e di Maria Caterina Pacini della V A liceo musicale, dotata pianista, che ha portato a termine un percorso di studi quinquennale pionieristico ed unico in tutta la provincia di Pistoia.

Tutto è cominciato nell’anno scolastico 2013/2014, con una vera e propria scommessa culturale e didattica, che la dirigente scolastica Patrizia Belliti sostenne coraggiosamente, coronando il sogno dell’apertura di un liceo musicale a Pistoia. Una vera e propria School of Arts, che, nelle intenzioni del legislatore, vorrebbe sdoganare l’isolamento specialistico degli antichi percorsi musicali meramente professionalizzanti.

La nuova risorsa del liceo musicale risiede nell’indispensabile supporto della formazione liceale, chiave di volta del musicista del terzo millennio.

questo articolo è stato offerto da:


1 commento

  • Link al commento bibi Giovedì, 12 Luglio 2018 10:05 inviato da bibi

    Come ogni anno , da curioso cittadino , mi sono aggirato fra le commissioni di esame del Forteguerri e di altri istituti cittadini .
    Come ogni anno , alla porta del Forteguerri sono stato stoppato con "Lei dove va" e "non si puo'". Alla parola Carabinieri da me pronunciata , mi venne risposto "allora vada".
    La mia età e il mio ricordo dell'esame sostenuto in regime di riforma Gentile , è certamente fuorviante nell'impressione di quanto succede oggi nei colloqui.
    A candidati "maturi" per proprietà di linguaggio e concretezza , ho trovato anche ragazzi "debolini" non tanto per i contenuti che i commissari tendevano a non scandagliare , ma per la "maturità" in senso lato che si dovrebbe richiedere a chi nella sostanza ha ultimato la propria formazione personale e culturale.
    Il percorso universitario , niente aggiungerà se non nei contenuti.
    Mi rallegro del fatto che un baccaloreato , oggi , come una laurea,non si nega a nessuno . Mi si consenta di dire " credevo meglio" anche se riconosco in questo la mia malignità e cattiveria di vecchio .

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.