PISTOIA
Lunedì, 09 Luglio 2018 17:40

Nuove proposte per il turismo nell'area pistoiese

Immagini della conferenza stampa Immagini della conferenza stampa

Il bilancio dei primi sei mesi di attività del “tavolo del turismo”

di Marzio Dolfi

PISTOIA – Il tavolo del turismo è alla ricerca di una nuova strada per dar corpo ai due ambiti territoriali turistici (Pistoia-Montagna pistoiese da una parte e Montecatini Terme-Valdinievole dall'altra) e destinati a diventare il motore di un nuovo modello di promozione turistica: un terreno inesplorato, da indagare e in larga parte da rienventare.

Orfano dei vecchi Enti del Turismo, il mondo amministrativo, sindacale e delle associazioni imprenditoriali e commerciali, punta a trovare strade nuove. Stamani il tavolo del turismo, a sei mesi dal suo insediamento, ha fatto un primo bilancio nel corso di un incontro con la stampa.

Le linee di intervento sono state spiegate da Tiziano Tempestini (Confcommercio), che del gruppo è coordinatore. “Partendo dallo spirito della nuova legge in materia – ha detto Tempestini – stiamo lavorando a un grande progetto comune”. Una volta che avranno preso corpo i due Ambiti territoriali, il comune capofila (Pistoia da una parte, Montecatini dall'altra) sottoscriverà una convenzione con Toscana Promozione Turistica, per una stretta collaborazione con la struttura regionale.

La promozione è ovviamente il punto più massiccio su cui comune e parti sociali si stanno impegnando. Il nuovo modello non potrà che partire da qui. Intanto sono stati individuati i soggetti che lavoreranno alla promozione turistica: il Consorzio turistico di Pistoia e quello Apm dell'Abetone e Montagna pistoiese (che fa capo a Confcommerfcio Pistoia e Prato) e il Consorzio Toscana Turismo e Congressi (legato a Cofesercenti). Per i prossime mesi di “transito” - ha precisato Tempestini – è stato approvato un programma di attività di promozione per 18 mesi “che prevede la partecipazione a borse e fiere, l'organizzazione di accoglienza di giornalisti e blogger e campagne sociali”.

A partire da uno studio del Politecnico di Milano, il tavolo del turismo ha valutato alcune proposte con i quali caratterizzare l'immagine del territorio. Si tratta di “Pistoia Sound Talent”, talent show urbano (Pistoia città della musica), con l'obbiettivo di utilizzare la spinta del Festival Blues e realizzare, a giugno, un evento per far conoscere le band musicali giovanili, che potranno poi esibirsi sul palco del Blues. L'altro “prodotto” è “Pistoia giardino planetario” - città del vivaismo e del green, che prevede installazioni e open day da legare al settore caratteristico del territorio. Infine “Adventure City”, portale e applicazione per la personalizzazione di un viaggio-avventura nella provincia di Pistoia.

Tre carte da giocare insomma. Tutti concordi sul piano generale di intervento, come ha sottolineato Maria Chiti (per Confindustria Toscana Nord) e Pier Luigi Lorenzini (presidente di Confesercenti), che ha giudicato “ottimo” il lavoro finora svolto. Per Riccardo Bruzzani (Confesercenti) occorre però “un salto di qualità da parte di tutti, con i territori uniti in direzione della crescita”. E' l'inizio di una “nuova scommessa”.

Per Alessandra Biagini (segretaria della Cisl pistoiese), occorre giocare la carta di Pistoia capitale e “ripartire da lì trovando una sinergia che accomuni le forze, che potrà significare anche nuovo lavoro”.

Anche Daniele Gioffredi (Cgil Pistoia) ha sottolineato come decisivo l'investimento nella cultura e ha citato i dati dell'incremento delle presenze nel 2017, ma anche certe contraddizioni che sono emerse. E anche lui ha ribadito l'importanza del lavoro comune.

Su questo ha insistito anche Francesca Marini, assessore al turismo di Quarrata (che ha parlato a nome anche degli altri comuni della Piana): “è un valore aggiunto trovarsi insieme – ha detto – per cercare una visione nuova del nostro territorio. Si tratta di un incontro di volontà, sulla cui strada c'è ancora molto da fare, ma che è iniziato positivamente”.

“E' una sfida che accettiamo volentieri – ha aggiunto il padrone di casa, l'assessore al turismo di Pistoia Alessandro Sabella – Si tratta di un passo importante per il nostro territorio e per lanciare idee e programmi condivisi. Poi ci saranno da trovare le risorse”. Sabella ha sottolineato che Pistoia deve mantenere il ruolo di capofila, ma deve essere uguale agli altri, puntando a crescere insieme. “Abbiamo fatto un lavoro importante - ha concluso Sabella – insieme saremo più forti anche quando dovremo bussare alla porta di Toscana Promozione”.

Nell'aria pistoiese 9 comuni costruiranno un Ambito, che sarà la nuova carta di identità da spendere nella promozione turistica. Ci sono ancora 12 mesi per trovare il giusto mix per il nuovo modello e per le sfide di domani.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita

Festa PD Santomato